Val Sangone: maxi sequestro di avena a altri prodotti in un deposito di un Mulino Un valore economico complessivo di circa 4 milioni e 800 mila euro

Golia

VALSANGONE – I Carabinieri del NAS di Torino nei giorni scorsi hanno eseguito un maxi sequestro di avena in un mulino della Val Sangone. Il titolare dell’attività è stato denunciato. I Carabinieri hanno sottoposto a sequestro quasi 780 tonnellate di cereali, custodite all’interno di  silos e in circa 400 sacchi per un valore economico complessivo di circa 4 milioni e 800 mila euro. In particolare, i Carabinieri  hanno contestato al titolare dell’attività l’aver etichettato circa 195 chili di prodotto come “biologico”, mentre in realtà era proveniente dall’Est Europa e di tipo convenzionale, nonché la mancanza delle previste indicazioni relative alla tracciabilità del prodotto.

I NAS

I Carabinieri hanno anche rinvenuto quasi sei tonnellate di prodotti alimentari di scarto da precedenti lavorazioni destinato alla rimacinatura per il successivo reimpiego come “pasta secca biologica”. Il titolare quindi è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per i reati di frode nell’esercizio del commercio e di detenzione per l’utilizzo di alimenti in cattivo stato di conservazione.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.