Una pubblicazione sulla Miniera medioevale del Rugèt di Gravere In collaborazione con il Comune di Gravere

GRAVERE –  È in vendita, fresca di stampa, la pubblicazione “Miniera del Rugèt a Gravere“, realizzata nell’ambito del Programma di ricerca e valorizzazione del patrimonio storico ambientale di Gravere curato dall’associazione culturale AISPAM – Il Patrimonio storico e ambientale. In collaborazione con il Comune di Gravere, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Torino. Poi l’Università degli Studi di Torino con il cofinanziamento della Compagnia di San Paolo e del Comune di Gravere. Il programma di interventi volto alla valorizzazione turistico-culturale del reticolo sotterraneo del Rugèt che ha reso parzialmente visitabile, limitatamente a un settore messo in sicurezza. La Miniera medievale del Rugèt, ha previsto un corso di formazione aperto a guide abilitate, appena concluso, e la pubblicazione della guida.

MINIERA MEDIEVALE DEL RUGET

Poco sopra l’Arnodera esiste una cava argentifera formata da varie gallerie sotterranee di cui si ignora il periodo dal quale è stata sfruttata. Gli archivi ne conservano solamente il ricordo di un effimero tentativo di ripresa nel XVIII secolo. La cava è stata rivisitata nel settembre 1996 da un gruppo di speleologi dell’Università della Provenza (Francia) che ha stilato un rapporto di visita che ora andiamo a rispolverare.

libro

L’ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO SOTTERRANEO

La rete visitata si sviluppa su circa una lunghezza di m. 450 e la gestione dello spazio sotterraneo sembra ben sfruttato. Si è riscontrato camere di estrazione, siti importanti come il “Canyon” ed i “traverso-banco”. Questi ultimi sono gallerie scavate in pezzi sterili di roccia e lo scopo è quello di rilevare tra di essi i cantieri di estrazione utili per la circolazione orizzontale degli uomini e dei materiali al fine di permettere l’estrazione. L’entrata all’interno della cava é possibile attraverso un “traverso-banco” d’accesso di m.50 di lunghezza e più “traverso-banco” si sviluppano all’interno della rete. Tutte le gallerie di circolazione all’interno del Rouget hanno una forma perfettamente calibrata e regolare, a U rovesciata nelle quali si accede progressivamente accovacciati o a carponi.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!