TAV Torino-Lione: terminato lo scavo dei primi 10,5 chilometri del tunnel di base Nei prossimi anni i cantieri vedranno al lavoro oltre 4.000 persone 

tav torino lione

SAINT MARTIN LA PORTE (FRANCIA) –  Questa mattina a Saint-Martin-la-Porte, in Val Maurienne, è terminato lo scavo dei primi 10,5 km del tunnel TAV di base della Torino-Lione. Intorno alle 11 gli operai hanno abbattuto l’ultima parete di roccia che congiunge i 9 km, scavati dalla fresa Federica, con il chilometro e mezzo realizzato con metodo tradizionale in uno dei punti più delicati della montagna tra Francia e Italia per la presenza di una lunga faglia carbonifera. Si tratta del secondo cantiere dei lavori definitivi dell’opera che si conclude nel rispetto dei tempi e dei costi, dopo quello per la realizzazione del portale d’ingresso a Saint Julien Montdenis terminato nell’autunno 2021.

I LAVORI DELLA TAV TORINO-LIONE

Parallelamente sono iniziati i lavori, assegnati nel luglio dell’anno scorso, per completare il tratto francese del tunnel in cui passeranno i treni: ad oggi sono oltre 1.000 le persone impegnate nei 10 cantieri dell’opera attivi nei due Paesi. Questo momento di passaggio coincide con la Giornata Mondiale della Sicurezza sul lavoro, che TELT ha scelto per presentare Mission-S (Missione Sicurezza), il programma che insieme alle imprese attive sui cantieri rafforza il presidio della sicurezza dei lavoratori della sezione transfrontaliera.

tav torino lione

AL LAVORO 4000 PERSONE

Nei prossimi anni i cantieri vedranno al lavoro oltre 4.000 persone ed è fondamentale impostare ora una rigorosa strategia della sicurezza che coinvolga tutti i livelli della catena produttiva. L’assunto di partenza è che la sicurezza può essere garantita al massimo solo se diventa una responsabilità condivisa, una dimensione in cui ognuno deve fare la propria parte per il bene di tutti.

I LAVORI

L’asticella è alta: ridurre al minimo gli infortuni sul lavoro e azzerare gli incidenti gravi/mortali. Un obiettivo ambizioso ma raggiungibile. La storia insegna che negli ultimi duecento anni le condizioni di lavoro sono progressivamente migliorate, grazie alle innovazioni tecnologiche e sociali, alle scoperte della medicina e dell’igiene e alla consapevolezza dell’importanza della vita e della salute umana. Questo è successo anche per i lavoratori delle opere in sotterraneo per i quali l’evoluzione delle tecnologie durante il diciannovesimo e il ventesimo secolo è stata fondamentale. E i dati dicono che oggi il traguardo della mortalità zero è perseguibile.

IL COMMENTO DI MARIO VIRANO

Il programma è stato presentato davanti a una platea di oltre 100 persone. La giornata è stata aperta dal direttore generale di TELT, Mario Virano, seguito dalla presentazione del bilancio del cantiere appena terminato da parte del raggruppamento guidato da Spie Batignolles (insieme a Eiffage Génie Civil, Ghella SpA, CMC di Ravenna, Cogeis SpA). I responsabili del promotore pubblico hanno poi illustrato il programma Mission-S, mentre le imprese attive in Italia e Francia hanno raccontato le innovazioni messe in campo per la sicurezza in galleria nei cantieri dell’opera.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.