Sauze d’Oulx: un albergo al campo sportivo Pin Curt?

Sauze d'Oulx

SAUZE D’OULX – Sauze d’Oulx: un albergo al campo sportivo Pin Curt?

LA CONTRARIETÀ DI UN ALBERGO AL CAMPO SPORTIVO PIN CURT DI SAUZE D’OULX

All’ordine del giorno del Consiglio Comunale di lunedì 22 aprile il punto “Aggiornamento dell’elenco dei beni immobili suscettibili di valorizzazione e alienazione…” è in realtà un passaggio necessario per procedere alla vendita a un privato, da selezionare attraverso procedura di evidenza pubblica, di una porzione di terreno del campo sportivo del Pin Curt. Spiegano dall’attuale opposizione in  consiglio comunale. “Si tratta dell’area dove sorge il bar- ristorante, ormai da tempo inagibile, più alcune porzioni adiacenti, alcune delle quali appositamente acquistate dal Comune di recente. Parte dei terreni in questione è stato espropriati anni fa ai cittadini proprio per realizzare il campo sportivo. Su tale area, come noto, l’Amministrazione già fin dal mandato precedente intende far costruire un albergo dotato di area wellness e ristorazione, ad uso pubblico. In poche parole: al Pin Curt basterebbe riscostruire il ristorante e caso mai poi fare anche una sauna, ma la nostra faraonica amministrazione vuole dare ai cittadini il bar e la sauna gratis, in cambio di un bell’albergone alto otto metri dal piano stradale di viale Genevris; per avere un’idea: circa 60 camere, che occuperebbe mq 1900 lì, proprio lì nel bel mezzo del campo sportivo, ed è pure convinta che questo sia un gran bell’affare”.

ALTRO CEMENTO

“In effetti l’amministrazione dice anche che Sauze d’Oulx è carente di posti letto, e questo è sacrosantamente vero. Ma che cosa sono 60 camere oggi di fronte alla vendita e alla devastazione per sempre di un bel pezzo di Pin Curt, gioiello naturale dal panorama invidiabile? Oltre a ciò, si tratta di terreni espropriati a cittadini per farne un parco sportivo. E inoltre: se i posti letto servono davvero come l’aria che si respira, perché l’Amministrazione non ha fatto un plissè a concedere di passare da para-alberghiero a residenziale gli alloggi in costruzione al Gran Villard? Di certo qualcosa non torna. Per esempio: esiste un progetto del 2019, bellissimo e molto ben studiato e articolato per incentivare lautamente i proprietari di alloggi ad affittare a rotazione i propri immobili. Quello sì che darebbe una svolta alla fame di posti letto: se ne potrebbero recuperare molti e non si dovrebbe costruire nulla di nuovo, perché sono già tutti costruiti, da anni e anni. Eppure, questo progetto “letti caldi” è ancora inattuato. Solo adesso e dopo anni che lo sollecitiamo, ecco che il progetto spunta fuori di nuovo. Casualmente in campagna elettorale. Chissà come mai non se ne sono ricordati prima? Inoltre, se proprio si vuole vendere del terreno pubblico per aumentare la ricettività, sarebbe meglio cominciare dalla ex scuola elementare, il cui abbattimento e nuova edificazione rappresenterebbe una riqualificazione di una ampia zona del paese vecchio, con creazione di molti nuovi posti letto qualificati. Noi della minoranza siamo contrari all’Hotel al Pin  Curt. Ma i nostri voti, da soli, non bastano a fermare il progetto perché siamo, appunto, in minoranza. Ci serve l’appoggio dei cittadini e dei turisti. Qual è il vostro parere? Iniziamo a contare quanti siamo e poi agiremo di conseguenza”.

NOTIZIE DELLA VALSUSA, VAL SANGONE E CINTURA DI TORINO

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.