Rivoli, la Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’Autismo I pensieri dei ragazzi

RIVOLI – La Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’Autismo a Rivoli. La giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo offre lo spunto per approfondire un tema molto importante. Occorre dare voce alle persone portatrici di questa neurodiversità per stimolare la ricerca, la diagnosi, il trattamento e l’accettazione generale. Il Sindaco Andrea Tragaioli dichiara: ”Ringrazio la Professoressa Anna Robino referente per l’autismo del dipartimento di sostegno del Romero e tutti i docenti del gruppo inclusione. Condivido il pensiero della professoressa che ha sottolineato quanto sia importante e necessaria una progettazione strutturata per la didattica speciale utile per gli allievi con autismo. Credo fortemente che l’istruzione debba farsi carico dell’attenzione alle fragilità di diverso genere tra cui appunto l’autismo.” L’Assessore alle Pari Opportunità Alessandra Dorigo dichiara: “Ho avuto il piacere di conoscere i ragazzi del gruppo inclusione dell’I.I.S.S. “Oscar Romerograzie alla Professoressa Robino che mi hanno accolto con il loro lavoro dal titolo Autismi in emersione”.

I PENSIERI DEI RAGAZZI

Prosegue l’Assessore Dorigo nella Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’Autismo a Rivoli: “I ragazzi mi hanno salutata presentando i loro pensieri che ho il piacere di condividere con voi“:

  • Edoardo: Visto che ho l’autismo faccio fatica a capire cosa dicono gli altri, posso anche migliorare.
  • Desiree: Io sono contenta di venire a scuola soprattutto quando facciamo i laboratori come quello sull’autismo.
  • Andrea: Venerdì abbiamo fatto il laboratorio, mi è piaciuto molto perché abbiamo lavorato tutti insieme.
  • Federico: Mi piace fare i laboratori perché si sta tutti insieme.
  • Irene: Secondo me avere l’autismo significa capire le cose in modo diverso da come le capiamo noi; non per questo dobbiamo escludere i ragazzi con l’autismo. Ad esempio nel gruppo noi conosciamo Edoardo , Gabriele, Samuele e Giacomo e proprio per questo li includiamo sempre, lavorano con noi e noi li aiutiamo a conoscere cose nuove e fargli capire quanto valgono.
  • Martina: Secondo me i ragazzi con l’autismo devono stare insieme agli altri, perché non devono essere discriminati. Mi piacciono un sacco i laboratori che facciamo a scuola, tutti insieme.
  • Gabriele: Sull’autismo vorrei dire una mia opinione vera: essere autistici non vuol dire essere diversi dagli altri, ma essere autistico, secondo me, è un valore molto grande. Sono autistico ma ragionando tra me e me, sento che sono come tutti gli altri. Non mi sento del tutto autistico.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.