Regione Piemonte: concordate le linee guida dei centri estivi L’opportunità di coinvolgere i volontari del Servizio civile

TORINO – Regione Piemonte: concordate le linee guida dei centri estivi. L’assessore regionale alle Politiche sociali e alla Famiglia Chiara Caucino ha rilasciato.“L’incontro è stato cordiale e fruttuoso e ha offerto alcuni spunti interessanti che abbiamo intenzione di recepire. Ringrazio ogni partecipante per il proprio contributo propositivo. Dalla riunione odierna sono emersi suggerimenti utili a migliorare l’applicabilità concreta delle misure previste”. L’incontro telematico è avvenuto nel pomeriggio con le Autonomie locali piemontesi. La Regione Piemonte sulla bozza delle linee guida relative ai centri estivi per bambini e ragazzi da 3 a 17 anni. Entra nel dettaglio, l’assessore afferma che i principali elementi delle linee guida servono a fornire regole sulla localizzazione dei servizi di vacanza.

I CENTRI ESTIVI

Saranno possibili nel maggior numero di immobili disponibili, in quanto la numerosità dei partecipanti potrà essere limitata. Dovrà essere raccolta in piccoli gruppi. Si potranno utilizzare gli immobili del Comune. Poi le scuole, i servizi educativi, gli oratori, tutte le sedi degli enti del terzo settore, nonché le fattorie didattiche. Sono presenti anche regole sul personale da utilizzare per il servizio di vacanza, in linea con la disciplina nazionale, sul ‘protocollo sanitario’ da seguire nei servizi per lo svolgimento delle attività, la somministrazione degli eventuali pasti, l’accoglienza del minore. L’opportunità di coinvolgere i volontari del Servizio civile, la collaborazione con i Centri per le famiglie. La procedura di attivazione dei servizi, in analogia con le regole già esistenti del 2018.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!