Oulx: per il 25 Aprile inaugurata una targa in Piazza Garambois per i partigiani dell’alta Valsusa di ALESSIO CASULA

OULX – Festa della Liberazione, festa del 25 Aprile ad Oulx. In una domenica di sole, seguendo le norme anti Covid, l’amministrazione e le associazioni hanno seguito il tradizionale programma. Prima presso il monumento dei caduti di Corso Ortigara all’ombra della Caserma degli Alpini, dove il sindaco Andrea Terzolo, assieme alle maggiori autorità delle Forze dell’Ordine, al Gruppo Alpini di Oulx ha commemorato e deposto una corona d’alloro per tutti i caduti. Il primo cittadino si è augurato che nella giornata della Liberazione, il Paese possa tornare ad una nuova normalità. Così che la Festa della Liberazione sia un segno di ripartenza per tutto il Paese. La tappa successiva è stata in Piazza Garambois in cui il sindaco insieme al Presidente dell’ANPI ha inaugurato una targa commemorativa dei caduti. Si tratta di alcune grafiche che riassumono personaggi e avvenimenti della vita dei partigiani in alta Valsusa.

L’ESERCITO ALLEATO

La campagna d’Italia fu l’insieme delle operazioni militari condotte dagli Alleati in Italia. Dal giugno 1943 al maggio 1945. La campagna fu intrapresa prima per sconfiggere l’Italia fascista. Poi, dopo la sua resa incondizionata annunciata l’8 settembre 1943, per attirare nella penisola italiana occupata dalle Wehrmacht. La campagna, guidata da parte alleata prima dal generale Dwight Eisenhower e poi dal generale Harold Alexander, fu caratterizzata da una serie di sbarchi e da sanguinose battaglie di logoramento lungo le successive linee difensive. Le truppe alleate, costituite da contingenti provenienti da molteplici Paesi, furono ostacolate dall’aspro territorio appenninico, dalle difficoltà climatiche e dalla tenace resistenza tedesca che provocarono forti perdite e il lento avanzamento del fronte. Roma non venne liberata fino al 4 giugno 1944 mentre la Linea Gotica fu superata solo nell’aprile 1945.

GLI ITALIANI CHE LIBERARONO L’ITALIA

Nel marzo del 1944 la formazione assunse il nome di Corpo Italiano di Liberazione. Il continuo afflusso di volontari rese necessaria la formazione di ulteriori unità. Esercito Cobelligerante Italiano è una denominazione con la quale si identificano quei reparti del Regio Esercito combattenti a fianco delle forze alleate. Coincise in buona parte con la Campagna d’Italia alleata. Fu costituito in seguito alla riorganizzazione del Regio Esercito nel cosiddetto Regno del Sud, dopo l’annuncio dell’armistizio dell’8 settembre 1943 tra l’Italia e gli Alleati. Il primo nucleo fu il Primo Raggruppamento Motorizzato. Dal marzo 1944 inquadrato come Corpo Italiano di Liberazione. Alla fine del 1944, a seguito del parziale sfondamento della Linea Gotica da parte degli alleati, fu riorganizzato in 17 grandi unità. Sei Gruppi di combattimento di grandezza divisionale, otto divisioni ausiliarie e tre divisioni di sicurezza interna.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.