Olafur Eliasson con Orizzonti tremanti, da non perdere al Castello di Rivoli Un grande ambiente immersivo in continua evoluzione

RIVOLI – Olafur Eliasson con Orizzonti tremanti, da non perdere al Castello di Rivoli (Museo Arte Moderna).

AL CASTELLO DI RIVOLI OLAFUR ELIASSON

La collezzione presenta la mostra Olafur Eliasson: Orizzonti tremanti a cura di Marcella Beccaria. L’artista trasforma la Manica Lunga del Castello di Rivoli in un grande ambiente immersivo in continua evoluzione. Il percorso espositivo culmina con Your non-human friend and navigator, opera composta da due pezzi di driftwood, tronchi raccolti dall’artista sulle spiagge dell’Islanda. Eliasson ha una lunga relazione con il Museo: nel 1999 la sua prima mostra museale fuori dalla  Scandinavia e nel 2008 la partecipazione alla seconda Triennale di Torino. Le opere di entrambe le mostre fanno oggi parte delle Collezioni del Castello di Rivoli.

FUORI TORINO

A Song A Part (Un canto Una parte) è un’installazione sonora realizzata da Susan Philipsz negli spazi esterni dell’Ex Collegio delle Orfane già sede dei padri Carmelitani Scalzi che oggi ospita il Museo Civico della Stampa di Mondovì. L’opera si basa su canti di Maddalena Casulana (1544-1590), la prima donna a stampare un libro di musica, e tocca i temi della separazione e del desiderio di ricongiungimento.  A CIELO APERTO 2022 è un progetto per i 30 anni di Fondazione CRC in collaborazione con il Castello di Rivoli. Comprende nel corso dell’anno 2022 l’installazione di quattro opere di artisti internazionali, a Mondovì (Susan Philipsz), a Grinzane Cavour (Olafur Eliasson), a Cuneo (Michelangelo Pistoletto) e Bra (Otobong Nkanga).

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.