Occhio alla “Truffa del Sì”: ecco come tutelarsi Si parla ad esempio delle minacce informatiche presenti in rete

Purtroppo ogni famiglia deve quotidianamente fare attenzione alle truffe, soprattutto in questo periodo. Si parla ad esempio delle minacce informatiche presenti in rete, come i virus e i malware, che oramai sono diventati dei compagni fissi durante la navigazione su Internet. Anche il telefono, però, può rappresentare un canale molto pericoloso, specialmente se non si tiene alta l’attenzione. Anzi, attualmente le truffe più diffuse sono proprio quelle telefoniche, che mirano a strappare un sì all’utente, in modo tale da manipolarlo per incassare il consenso alla sottoscrizione di una certa offerta o di un determinato contratto.

ECCO COME FUNZIONA LA TRUFFA TELEFONICA DEL SI’

Quando un call center chiama, bisogna sempre fare attenzione a ciò che si dice al telefono e spesso restare in silenzio è la scelta migliore. I truffatori, infatti, chiamano al telefono dell’utente dicendo di essere di una certa ditta e cercano in tutti i modi di fargli pronunciare la parola “sì” con l’inganno. Come funziona in poche parole questa truffa? Nel modo più semplice possibile: il call center chiama e pone una serie di domande, in apparenza innocue, come “Salve, è il signor tal dei tali?”. Appena l’utente dice “sì”, essendo la telefonata registrata, questa parola viene ritagliata e poi incollata dove conviene, in modo tale da replicare una finta accettazione di un contratto che in realtà non è mai avvenuta. Per questo motivo, è fondamentale mantenere sempre alta la soglia di attenzione e non dire di sì quando si sta al telefono con un operatore telefonico a meno che non sia un call center verificato. Questo serve a evitare che vengano attivati servizi non richiesti e pagamenti non autorizzati dal consumatore.

COME DIFENDERSI DALLE TRUFFE TELEFONICHE

Per fortuna ci sono diversi sistemi per proteggersi da questi tentativi di truffa, che sono purtroppo sempre più diffusi. Nel caso in cui la nostra esigenza sia effettivamente quella di cambiare fornitore di una qualsiasi utenza domestica, è sempre consigliabile consultare i siti internet ufficiali dei fornitori con i listini sempre aggiornati come, ad esempio, le offerte di luce e gas Vivigas. Così facendo sarà possibile contattare direttamente il servizio che ci interessa, evitando di incorrere in possibili truffatori. In linea di massima, infatti, conviene sempre seguire i passaggi per l’attivazione di prodotti o servizi previsti dall’azienda di riferimento piuttosto che farlo telefonicamente dopo aver ricevuto una sollecitazione. Bisogna infatti evitare il più possibile di dare i propri dati anagrafici per telefono in quanto c’è il rischio che vengano utilizzati per la stipula di un contratto a propria insaputa. Infine, ricordate che è sempre sconsigliabile fornire telefonicamente altri dati personali come il codice fiscale per lo stesso motivo di cui abbiamo già parlato. La prudenza in questi casi non è mai troppa!