Motociclismo storico: a Sant’Ambrogio gli appassionati delle moto ITOM

SANT’AMBROGIO – Motociclismo storico: a Sant’Ambrogio gli appassionati delle moto ITOM.

LE MOTO ITOM CORRONO A SANT’AMBROGIO

Domenica 25 settembre a Sant’Ambrogio in occasione del Meliga Day c’è stata la passerella di auto e moto storiche ITOM. Il raduno nell’area dell’odierno Birrificio San Michele. La ITOM (acronimo di Industria torinese meccanica) è stata una fabbrica di motocicli nata a Torino in Via Millio, nell’anno 1944 con titolare l’avvocato Corrado Corradi, e trasferita a Sant’Ambrogio di Torino nel 1957 dove produsse motocicli fino alla chiusura del 1975.

Alla fine degli anni Cinquata la ITOM diventa IMSA (Industria Meccanica Sant’Ambrogio) essendosi trasferita nel 1958 presso lo stabilimento dell’ex Maglificio Fratelli Bosio a Sant’Ambrogio di Torino in Valle di Susa potenziando la produzione di motociclette. Nel 1960 esce il modello ITOM Junior e nel 1965 viene lanciato quello che diventerà il più famoso modello ITOM: l’ASTOR Sport con cambio 4 marce a pedale, in questo periodo con la nota livrea Giallo/Bianco oppure Rosso/Bianco. Nel 1969 il lancio del SIRIO Cross, e nel 1970 una nuova versione dell’ASTOR.

LE ULTIME MOTO

Nel 1973 cessa la produzione in proprio dei motori, ed i modelli vengono equipaggiati con motori Franco Morini. Nello stesso anno, al Motor Show di Milano viene presentato un modello Cross Competition con motore Zundapp. La fabbrica ha anche costruito dei compressori ad aria con un sistema innovativo, non erano a pistoni ma rotativi, molto innovativi per quei tempi. Costruì inoltre un modello di motocarro realizzato sulla base della struttura delle moto di produzione ordinaria. Nel 1975 terminano le produzioni nello stabilimento di Sant’Ambrogio di Torino. Nel 2010 le è stata intitolata la strada che conduce al vecchio stabilimento, con la denominazione in “Via Itom“.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.