Meteo Piemonte: condizioni di Foehn con interessamento di tutte le vallate alpine

vento inverno neve

TORINO – Meteo Piemonte: lo spostamento della zona di bassa pressione verso il mar Tirreno determina una rotazione dei flussi da nordovest, con una marcata intensificazione dei venti per estese condizioni di Foehn dai settori alpini fino alle pianure, e deboli nevicate associate al muro del Foehn tra Alpi Lepontine e Alpi Cozie. Da martedì i venti saranno in attenuazione e cieli torneranno soleggiati su tutti i settori, ad eccezione di debole nevischio sulle creste alpine nordoccidentali di confine. Nuvolosità: nuvoloso fino all’alba, in successiva attenuazione fino ad avere condizioni soleggiate al pomeriggio salvo addensamenti tra Alpi Cozie e Lepontine. Foschie e nebbie in pianura dalla notte fino al mattino. Precipitazioni: deboli nevicate da muro del Foehn tra Alpi Lepontine e Cozie, moderate a ridosso delle creste di confine. Quota neve tra i 900 e i 1300 m. Zero termico: in calo fino ai 1500-1600 m, intorno ai 1000-1200 m nelle vallate occidentali e settentrionali. Venti: al mattino forti da nordovest in montagna, in pianura deboli da ovest. Successiva marcata intensificazione per condizioni di Foehn via via più intense ed estese, con progressivo interessamento di tutte le vallate alpine, delle pianure occidentali e sudorientali. Rinforzi più locali su Novarese, Vercellese e Verbano. L’aggiornamento da Arpa Piemonte.

PREVISIONI METEO IN PIEMONTE

La meteorologia, letteralmente “studio dei fenomeni celesti”, è il ramo delle scienze dell’atmosfera e della Terra che studia i fenomeni fisici che avvengono nell’atmosfera terrestre (troposfera) e responsabili del tempo atmosferico. Le previsioni meteorologiche si ottengono solitamente dalla seguente procedura:

  • osservazione e misurazione delle variabili atmosferiche (a esempio velocità e direzione del vento, temperatura dell’aria, umidità e pressione atmosferica);
  • trascrizione, studio ed elaborazione dei dati rilevati su carte sinottiche o assimilando i dati attraverso modelli matematici che girano su calcolatori numerici. Dove in quest’ultimo caso viene prodotta la situazione meteorologica di un determinato momento, chiamata analisi;
  • prognosi futura a partire dalle carte sinottiche. Oppure facendo evolvere la condizione iniziale tramite uso dei modelli matematici meteorologici (previsione).

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.