Crea sito

Le tante e interessanti attività dell’Unitre di Almese-Valmessa Previste gite e corsi formativi per i tanti soci

valigie

ALMESE – Nuove iniziative dell’Unitre di Almese Valmessa. In archivio la festosa inaugurazione del nuovo anno accademico che si è svolta lo scorso 12 ottobre alla presenza del sindaco di Almese, Ombretta Bertolo, con i saluti del Presidente, il dottor Alberto Sanesi. C’è stata la presentazione dei Corsi allietata come sempre dal Coro e dalla fisarmonica di Santino Vair. Spiega dall’Unitre Daniela Chirone. “Siamo partiti subito per quattro favolosi giorni a Matera, Paestum e dintorni. Tempo estivo, luce indimenticabile, bei panorami e ottimo cibo“.

NUOVI APPUNTAMENTI

Il 15 dicembre è in programma con l’Unitre di Almese Valmessa una visita guidata ai Presepi del Basso Monferrato e all’Abbazia di Vezzolano, con un pranzo di qualità a Cocconato d’Asti. Sabato 21 dicembre, infine, ci ritroveremo tutti quanti in sede per scambiarci gli auguri natalizi. Grazie al Direttivo operoso e sempre ricco di idee, i progetti volgono immediatamente al 2020 con la programmazione, in primavera, di un viaggio di sette giorni nelle Città Imperiali del Marocco. Poi in ottobre ecco una visita alla splendida Italia minore della Ciociaria. Insomma le idee non mancano mai, i corsi in locandina proseguono regolari e a questi si aggiungono conferenze estemporanee di grande interesse.

CURIOSITA’ SULLA CIOCIARIA

Ciociaria , meno comunemente Cioceria, è il nome con cui sono identificati alcuni territori del Lazio a sud-est di Roma. Senza limiti geografici ben definiti. A partire dal ventennio fascista lo stesso nome è usato impropriamente dalla stampa locale. Da associazioni promozionali e manifestazioni folcloristiche come sinonimo di provincia di Frosinone e dell’insieme delle tradizioni popolari del suo territorio. L’identificazione della Ciociaria con il territorio della provincia è fatta propria dalla stessa azienda di promozione turistica della provincia di Frosinone. La prima analisi sistematica al riguardo fu fatta solo nel 1916, da Adele Bianchi, che in una pubblicazione dell’istituto geografico De Agostini discriminò chiaramente una regione o subregione, risultando che «la Ciociaria comprende l’ampia Valle del Sacco, i Monti Ernici, il versante interno degli Ausoni e parte dei Lepini», grossomodo il circondario di Frosinone.