La mostra “Dialoghi con l’arte” alla Casa del Conte Verde a Rivoli

Mostra Rivoli

RIVOLI – La mostra “Dialoghi con l’arte” a Rivoli.

DIALOGHI CON L’ARTE

La mostra “Dialoghi con l’arte” che si inaugura  sabato 22 giugno e che termina domenica 28 luglio, nasce da un’idea illuminata di Amelia Alba Argenziano, insegnante della scuola  impArAlArte da molti anni attiva nel settore artistico sul territorio rivolese. Il progetto espositivo prevede una mostra di pittura delle allieve dell’Atelier  che per l’occasione esporranno i loro lavori nelle  sale del Museo Casa del Conte Verde  di Rivoli, confrontandosi senza un tema specifico con le opere di  artisti selezionati dall’Associazione Culturale Fly Art di Torino, con la quale Amelia Alba Argenziano collabora attivamente da molti anni anche in veste di artista, partecipando ad importanti esposizioni. L’Associazione Fly Art oltre ad organizzare eventi  con artisti storicizzati e consolidati, persegue una finalità di scouting di artisti emergenti in fasi diversificate della propria carriera per contribuire alla progressiva collocazione nel sistema artistico nazionale ed internazionale. La mostra “Dialoghi con l’arte” ha come obiettivo primario la stimolazione di un dialogo  e di un confronto costruttivo tra gli  “artisti–allievi” della scuola impArAlArte e gli artisti dell’Associazione Culturale Fly Art  presenti a più livelli in contesti artistici  nazionali  ed internazionali.

L’EVENTO

L’evento presentato da Roberto Borra critico e curatore dell’Associazione Fly Art e da Alberto Bongini, Presidente dell’Associazione, offre agli allievi della  Scuola d’Arte rivolese  l’opportunità di esprimersi di fronte ad un pubblico qualificato ed eterogeneo nel contesto della Casa del Conte Verde, un gioiello architettonico di impianto medioevale situato nel cuore storico di Rivoli.  La scuola d’arte di Amelia Alba Argenziano ha come finalità la creazione di un percorso artistico personalizzato  per ogni allievo, incentrato sull’espansione delle potenzialità tecniche   e creative in grado di favorire lo sviluppo di  un linguaggio artistico libero e autonomo.  In una società che richiede costantemente di “essere normali”  e di conformarsi a forme di pensiero e di comportamento prestabiliti, l’arte ci insegna a ricercare la nostra unicità, a dar voce all’essenza del nostro pensiero e allo sviluppo della ricerca delle fonti, a volte nascoste, del nostro lato creativo. Il risultato è una rappresentazione collettiva, oserei dire un concerto a più voci strettamente connesse al “sentire contemporaneo” più autentico, al di là dei singoli valori artistici o economici espressi da ciascuno. Fondamentalmente l’esposizione si concentra su due differenti aspetti dell’arte attuale spaziando dalla espressione prettamente  figurativa, all’interpretazione  astratta ed informale sempre  traendo linfa vitale dall’intima percezione della realtà e mai dalla semplice rappresentazione estetica.  Opere difformi che si affollano come un complesso intreccio di trame esistenziali che si armonizzano nella  contemplazione della loro comune  profondità espressiva.   Una mostra con opere di prezioso  valore intimista capace,  almeno nelle intenzioni, di dare memoria al vissuto di ogni singolo artista  e di restituire al pubblico un grande affresco corale che ci  parla di sentimenti, di sogni.. e forse anche di  un disperato tentativo, in questo oscuro buio epocale, di ricercare l’alba…

LA PERFORMANCE

A completare la mostra Giovedì 11 luglio alle ore 18 una performance multidisciplinare dal titolo “DIALOGHI” con MELLA (danza), NOGA (musica)  e FAZARI (calligrafia) che affronta la tematica del tempo in continua mutazione e delle tracce del nostro passaggio terreno che restano tangibili come segni permanenti ed altre che si dissipano nell’aria mutando continuamente forma.  La performance rappresenta concettualmente  il nostro passaggio spazio temporale che dà vita a dialoghi in sinergia tra loro, resi vivi dalla contaminazione dei diversi medium che si fondono magicamente a ricreare un arcaico momento di condivisione rituale che tradurrà l’effimera performance dei 3 giovani artisti in un concreto veicolo di produzione artistica…

Casa del Conte Verde – Via F.lli Piol  8  –  Rivoli (TO). Mostra realizzata dalla Città di Rivoli. Con il patrocinio della  Regione Piemonte e Città Metropolitana di Torino. Orari: da mercoledì a venerdì 16 – 19, sabato e domenica 10 – 13 / 16 – 19, lunedì e martedì chiuso. Info Casa del Conte Verde: www.comune.rivoli.to.it – tel.: 011 9563020

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.