Il gruppo di minoranza a Coazze proposto petizione online contro la chiusura della banca "Considerando che molti dei nostri concittadini, sia residenti che non, sono anziani e spesso a bassa digitalizzazione"

COAZZE – Il gruppo di minoranza Coazze bene Comune ha proposto una raccolta firme per scongiurare la chiusura del servizio bancario Unicredit. Spiegano dalla minoranza. “Abbiamo proposto all’amministrazione un’azione congiunta affinché si tentasse una difesa del servizio bancario Unicredit di Coazze, che non è stata accolta. Dopo essere stati sollecitati da numerosi cittadini ha aperto una raccolta firme on line. Considerato che le attuali norme non prevedono la possibilità di effettuare questa cosa in presenza, la raccolta firme avviene sul testo che vi alleghiamo. Abbiamo aperto una petizione su change.org”.

LA RICHIESTA

A seguito della decisione assunta con modalità unilaterale da Unicredit di chiudere ogni attività di cassa presso la filiale nel Comune di Coazze, unica banca presente sul territorio, sostituendo il servizio con il solo utilizzo di bancomat e con una attività di sportello su prenotazione, che ci segnalano funzioni solo da ascolto e non per attività di soluzioni richieste. Considerando le sempre più numerose proteste dei cittadini del Paese, sia essi residenti che non, essendo il nostro un territorio ad alta locazione turistica. Poi considerando che la situazione odierna impedisce spostamenti dei cittadini verso il servizio individuato come filiale sostitutiva sito nel comune limitrofo, Giaveno. Considerando che molti dei nostri concittadini, sia residenti che non, sono anziani e spesso a bassa digitalizzazione“.

LA BANCA

Sappiamo che mantenere una filiale in un paese come il nostro può essere considerato non economicamente conveniente ma crediamo che fare banca. In particolare per una grande azienda come è Unicredit, significhi anche contribuire alla coesione sociale e alla possibilità di diminuire disagi di chi vive in piccoli paesi di montagna. E’ una condizione determinante che permette di presidiare i territori marginali che combattono quotidianamente contro la chiusura di tutti i servizi commerciali e imprenditoriali, per i quali avere un’attività bancaria di prossimità diventa indispensabile“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!