Giornata della Memoria: la Città di Collegno e l’Asl To3 hanno apposto una targa nel porticato di ingresso della Certosa Perché il ricordo di quanto accaduto sia un monito per il futuro

Collegno Memoria

COLLEGNO – Giornata della Memoria: la Città di Collegno e l’Asl To3 hanno apposto una targa nel porticato di ingresso della Certosa. Con un provvedimento di pochissime righe, 19 in tutto, il 18 novembre del 1938 l’Ospedale Psichiatrico di Collegno decise l’espulsione dal servizio di tutto il personale ebreo. Medici, paramedici e amministrativi. Attuando le disposizioni delle prime leggi razziali. Oggi, in occasione della Giornata della Memoria, la Città di Collegno e l’Asl To3 hanno apposto una targa nel porticato di ingresso della Certosa, sede dell’azienda sanitaria. Perché il ricordo di quanto accaduto sia un monito per il futuro. “Perché tenere viva la memoria serve a evitare che questi orrori si possano ripetere. Inoltre vuol dire dotare le prossime generazioni di un importante strumento di conoscenza e soprattutto di consapevolezza”. Come ha detto nel suo intervento il direttore generale dell’Asl To3 Franca Dall’Occo.

UNA MEDAGLIA D’ONORE

Durante la breve cerimonia, a cui hanno partecipato anche Anpi e Aned, il sindaco di Collegno Francesco Casciano ha conferito una medaglia d’onore alla memoria del signor Giuseppe Giordano. Cittadino collegnese deportato e internato nei lager, consegnandola al figlio Mario. Nel Centro di Documentazione sulla Psichiatria della nostra Asl sono conservati i registri del consiglio d’amministrazione dell’Ospedale Psichiatrico. Grazie anche al prezioso archivio del Centro, depositario della memoria storica della psichiatria torinese, è stato possibile ricostruire in dettaglio quanto accadde in quei giorni.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!