Giaveno: parte il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti Sul territorio della Val Sangone

golia

GIAVENO – Sono cominciate ieri a Giaveno le lezioni del Centro provinciale per l’istruzione degli adulti per fornire un servizio di accoglienza e  orientamento per tutti i cittadini con 16 anni compiuti. L’offerta formativa dei C.P.I.A. è varia ed è legata alle richieste e alle esigenze formative del territorio: acquisizione del diploma di scuola secondaria di primo grado (licenza media), rientro in formazione, orientamento al lavoro o corsi di lingua italiana per stranieri. Questo ultimo corso di istruzione, a partire dall’alfabetizzazione linguistica fino all’acquisizione di competenze specialistiche nel secondo livello, potrà migliorare la qualità della vita e favorire l’inclusione sociale e lavorativa dei migranti e delle loro famiglie che afferiscono al territorio della Val Sangone, anche mediante una valorizzazione del tempo libero e delle culture di provenienza.

I CORSI

I corsi verranno momentaneamente ospitati presso la struttura ex Anna Frank, condividendo (ma in orari diversi) alcune aule attualmente assegnate all’IISS Pascal in attesa della fine dell’emergenza Covid. Le lezioni si terranno in orario pomeridiano e preserale a cura dei docenti del CPIA 5 di Torino. Grazie ad un accordo intrapreso tra il Comune di Giaveno – Assessorato alla scuola – il Dirigente Scolastico Claudio Menzio del CPIA 5 di Torino e la Dirigente Scolastica Enrica Bosio dell’IISS Pascal, attraverso un accordo siglato tra le parti, si potrà fornire l’opportunità di accedere ai corsi per l’istruzione e la formazione in età adulta.

A GIAVENO

Sono particolarmente contenta di questo risultato che aspettavamo da anni perché i servizi scolastici si arricchiscono di una nuova offerta formativa – dichiara l’Assessore Anna CataldoEra un progetto che avevamo in mente da tempo, poi la pandemia ci ha rallentato. Ora si parte, con un servizio che offrirà migliori opportunità di inserimento nella società e nel mondo del lavoro dei residenti ospiti in cooperative e case di accoglienza, ma che in prospettiva potrà essere utile a tutta la popolazione”.  “L’istruzione è un aspetto fondamentale della vita di società, per integrare tutti e fornire opportunità di crescita. Sono contento di questo nuovo servizio per tutta la popolazione, e mi complimento con l’Assessore Cataldo per aver avuto la tenacia di perseguire questo obiettivo”. Conclude il Sindaco, Carlo Giacone.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Lavoro in Valsusa. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.