Crea sito

(FOTO) Condove: Emanuela Sarti non si ricandida spazio a Jacopo Suppo Molte le azioni della consigliatura, tanti i progetti già finanziati

CONDOVE – La notizia, in paese, circolava da tempo e adesso ha l’ufficializzazione, con un messaggio in bancheca, rivolto ai condovesi: Emanuela Sarti non si candiderà per un secondo mandato alla guida dell’amministrazione e la sua lista avrà come candidato, in una staffetta legata alla continuità, Jacopo Suppo. Le scorse elezioni la sua lista “Condove in comune” ebbe un buonissimo successo elettorale che la portò alla guida del municipio e nella giunta dell’Unione Montana Valle di Susa. La Sarti, 56 anni giornalista pubblicista, con questa scelta, conferma che a Condove l’unico mandato più che una possibilità, sembra una scelta. Prima di lei sia Piero Listello che Barbara Debernardi dopo una consigliatura lasciarono la fascia tricolore sulla scrivania del palazzo comunale.

MOLTE OPERE CONCLUSE, TANTI PROGETTI

Vanno così in archivio i tanti lavori realizzati: la sistemazione radicale della scuola Re, lavori importanti alla Bertacchi, la piastra polifunzionale Moletto, il riscaldamento del Palaleccese e la sistemazione viaria per le frazioni. Cinque anni di opere strutturali sui versanti della montagna, anche attrezzati con nuove vie di salita su roccia,  nella viabilità e nell’ambito di promozione con la Fiera della Toma che si è confermata mantenendo alto il livello di organizzazione e successo.

LA MONCE HA RIPRESO A SPERARE IN UN FUTURO PRODUTTIVO

Tra i progetti, già finanziati, il nuovo asilo Rodari e l’alpeggio alla Tomba di Matola. In progetto la sistemazione dell’area del campo sportivo. Mentre sotto l’amministrazione Sarti si è risolta la questione Vertek con l’acquisizione del gruppo Magnetto rimane in sospeso la fognatura del Ceretto. Un bilancio non trascurabile che chiude un ciclo amministrativo partito con vincoli stringenti al bilancio e possibilità di spesa nell’ultimo periodo.