Crea sito

Alpini della Valsusa: la festa a Mompantero per i 95 anni dalla fondazione Con la lotteria un aiuto per le baite distrutte dall'incendio

Alpini Mompantero

MOMPANTERO – Si è svolta a Mompantero la giornata di anniversario in Valsusa con la fondazione del Gruppo Alpini di Mompantero e la posa della statua sul Rocciamelone. La domenica è cominciata con il ritrovo presso il Santuario della Madonna del Rocciamelone, dov’è stata poi celebrata la Santa Messa in onore degli Alpini andati avanti. Presso il monumento alle penne nere, ecco la cerimonia dell’alzabandiera e i saluti delle autorità. C’è poi stata la sfilata con la partecipazione della Fanfara Ana Valsusa. Dopo l’aperitivo alpino presso la “Casa delle Associazioni” in borgata Torre il pranzo presso il ristorante “Da Camillo” di Mompantero. Nel pomeriggio si è svolta l’estrazione dei biglietti della lotteria e alle 17 la consegna del ricavato della lotteria ai proprietari delle baite distrutte dall’incendio.

Alpini Mompantero

LA STORIA

Eccoci agli Alpini della Valsusa del paese di Mompantero. Il primo Capogruppo fu Edoardo Chiolero che lo resse sino al 1927, poi ecco Giuliano Guidetti che fu in carica per due anni. Di lì iniziò il cinquantennio da capogruppo di Gian Mario Favro che prese il gruppo nel 1930 e lo ricostituì dopo la Seconda Guerra Mondiale, restando poi alla guida per un ulteriore trentennio, sino al 1980. Poi capogruppo fu Fedele Favro Bonet che, nel 2006, fu sostituito da Ezio Durbiano, sino all’attuale capogruppo Fabio Capri entrato in carica quest’anno. In gruppo conta 46 soci Alpini e 23 soci aggregati.