Crea sito

La mostra sulle corna dei Cervi e gli altri palchi caduchi conquista Sauze d’Oulx di Cinzia Debernardi

sauze oulx corna cervo

SAUZE OULX – La mostra sulle corna dei Cervi e gli altri palchi caduchi conquista Sauze d’Oulx. Chi ha teorizzato la “crisi del settimo anno”  si ricrederebbe vedendo il successo della settima esposizione di palchi caduchi e del Primo Raduno Nazionale di cercatori di palchi. La giornata si è svolta domenica 28 luglio a Sauze d’Oulx nella tradizionale location del parco giochi. Quest’anno l’abile regista della manifestazione, l’eclettico Antonio Artuso, ha aggiunto un tocco da maestro.

Sono stati invitati la scuola di falconeria “I signori alati” dell’associazione protezionistica “La terra dei cavalli” di Leinì. E’ stata anche allestita la mostra di fotografia naturalistica di Alessandra Simiand e Stefano Vachet. Due fotografi amatoriali davvero bravissimi nel cogliere l’attimo giusto della quotidianità di camosci, cervi, fagiani e pernici che vivono nel nostro territorio.

aquila falconieri

PRIMO RADUNO NAZIONALE DI CERCATORI DI PALCHI

Una ventina di espositori, provenienti da Toscana, Lombardia , Emilia Romagna, Valle d’Aosta  e Piemonte per la mostra sulle corna dei Cervi e gli altri palchi caduchi a Sauze d’Oulx. Nello specifico dalla bassa e alta Valsusa, dalla Val Po, da Verbania e da Cuneo. Tutti abili cercatori di falchi caduchi di cervo e di capriolo, hanno offerto alla vista dei tantissimi visitatori il frutto del loro “raccolto”. Sguardi curiosi e ammirati, che solo i capolavori di Madre Natura possono regalare, sono stati la ricompensa per chi ha organizzato e per chi ha esposto.

Davvero una giornata allegra, serena, spensierata e allietata dal suono della fisarmonica di Valerio. Anche la prevista pioggia ha pensato bene di lasciar spazio al sole perchè giornate così rendono tutto più solare: il cielo, l’animo e la mente. Il sindaco Meneguzzi ha visitato l’esposizione non nascondendo la sua soddisfazione per questa iniziativa che sta diventando un fiore all’occhiello nell’estate di Sauze D’Oulx. Un grazie immenso vada a Antonio Artuso: appuntamento per luglio 2020 già segnato in agenda.