Contributi per lo sci e la neve nel Decreto Sostegni, Uncem: evitare sperequazioni tra grandi e piccole stazioni Ristori a tutte le imprese dei territori montani

ROMA – Contributi per lo sci e la neve nel Decreto Sostegni, Uncem: evitare sperequazioni tra grandi e piccole stazioni. Ristori a tutte le imprese dei territori montani. “L’articolo 2 del Decreto Sostegni approvato dal Consiglio dei Ministri venerdì scorso è importante per la montagna. Perché prevede 700milioni per le imprese che gestiscono impianti di risalita. Inoltre che hanno subito enormi perdite a causa della mancata apertura. Oltre a dare ristoro alle imprese dell’indotto”. Lo affermano Roberto Colombero, Presidente Uncem Piemonte, e Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem.

PICCOLE E GRANDI STAZIONI

Continuano Roberto Colombero e Marco Bussone da Uncem in merito ai contributi per lo sci e la neve. “Occorre però evitare che, per come è scritto ora l’articolo, si creino sperequazioni tra piccole e grandi stazioni. Le prime potrebbero ricevere quantità esigue di risorse se resterà il parametro legato alle presenze, dunque alle notti dormite nelle strutture ricettive. Con il Governo e il Parlamento abbiamo avviato un dialogo per correggere la norma nella conversione parlamentare del decreto che anticipa poi il decreto attuativo. Occorre agire bene e in tempi certi per dare adeguati ristori a tutte le imprese e le professioni dei territori montani, senza penalizzare stazioni sciistiche più piccole e Comuni ove non vi sono impianti di risalita, che comunque hanno sofferto molto per i mancati flussi turistici di questo inverno“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!