Colle del Lys: la ciaspolata della Warrior WinterRace Domenica 3 marzo sulla montagna della Valle di Susa

RUBIANA – Domenica 3 marzo al Colle del Lys è in programma la “Warrior WinterRace”, una sfida in cui i partecipanti si cimentano in un avventuroso percorso ad ostacoli, mettendo alla prova la loro destrezza, la velocità e l’abilità nella scalata e nel salto. Il tracciato al Colle del Lys prevede ostacoli naturali e artificiali e si sviluppa per 7 chilometri, tra fossati, torrenti, terreni accidentati, tronchi, rocce e neve. La manifestazione parte dal piazzale del Colle del Lys ed è aperta a tutti.

LA WARRIOR WINTER RACE E CON UNA CIASPOLATA

La gara competitiva inizia alle 10 e la non competitiva alle 10,30. Nella corsa competitiva tutti i concorrenti devono arrivare al traguardo con la “band”, il braccialetto consegnato dai giudici di gara alla partenza, a prova del superamento di tutti gli ostacoli. Ogni ostacolo può essere ripetuto più volte fino al suo superamento. Se alla fine l’atleta non riesce nell’impresa deve restituire il braccialetto e non può proseguire nella competizione. Nella gara non competitiva non è invece richiesto il superamento di tutti gli ostacoli: ogni iscritto può cimentarsi nella prova più volte e nel caso fallisca basta che esegua venti flessioni per proseguire. L’iscrizione può essere effettuata esclusivamente online sul sito www.warriorraceitalia.it.

IL COLLE DEL LYS

Il Colle del Lys nella lotta di Liberazione. Sullo spartiacque tra le valli di Lanzo e di Susa, durante la lotta di Liberazione, il colle del Lys fu una zona di grande rilevanza strategica. Non solo per le formazioni partigiane ma anche per i comandi militari tedeschi. Da un lato garantiva un collegamento con il sud della Francia dall’altro si trovava a poca distanza dall’area industriale di Torino. La costante e massiccia presenza tedesca impedì alle formazioni partigiane di costituire territori liberi e non ci furono mai periodi di tregua nella lotta. Operò su quei monti soprattutto la 17ª Brigata Garibaldi “Felice Cima”, le cui squadre si muovevano nella bassa valle contro i presidi fascisti e tedeschi, sabotando la linea ferroviaria, compiendo requisizioni nei depositi e magazzini militari.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!