Coazze: a spasso nel meraviglioso sentiero delle Macine, un percorso nella storia e nella natura Ricordo di un lavoro sulle montagne

COAZZE – A Coazze il sentiero delle Macine. Lungo questo sentiero immerso nella natura ci sono antiche macine lasciate in loco poichè fallate o sfuggite agli operari. Si osservano le pietre da cui venivano estratte e si scoprono i segreti di lavorazione. Un sentiero facilmente praticabile. Un percorso che mette in mostra diverse macine in pietra, capace di dare incanto. Poi sorpresa e faticoso, di scalpellini o contadini che abitavano i pendii della “Cara Secca”. Uomini dediti all’estrazione e lavorazione a mano della pietra per farne “ruote” da destinare ai mulini per macinare i cereali. Questi presenti numerosi in valle e in pianura e fino a Torino. Coazze ha così un itinerario a disposizione dei sempre più numerosi amanti delle camminate, il Sentiero delle Macine05.

A COAZZE

Già dal centro del paese, nel Parco della Rimembranza di piazza della Vittoria, la presenza di una bacheca informativa e di due macine sollecitano il pensiero a compiere questa escursione di cinque chilometri, con un dislivello di 280 m, che da Coazze raggiunge il confine montano con i vicini territori di Valgioie e Giaveno. Il percorso, con partenza da borgata Valsinera, per circa tre ore di cammino, raggiunge cinque siti in cui sono state rinvenute, messe in evidenza o sistemate esemplari di mole, più le pietre di confine, e offre la possibilità di raggiungere alcuni punti che guardano su Coazze e la Val Sangone, nonchè attraversare il bosco Ugo Campagna.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.