Claviere: in 17 ai domiciliari per l’occupazione dei locali della Chiesa Aderenti alla compagine anarco-ambientalista “Briser Les Frontieres”

Claviere, le stanze occupate dai Centri SocialiClaviere, le stanze occupate dai Centri Sociali

CLAVIERE– Per i locali del Chiesa parrocchiale di Claviere occupata abusivamente 17 anarchici sono stati posti ai domiciliari. Le stanze, sotto la Chiesa erano state utilizzata per assistere i migranti. Questi diretti al confine con la Francia. I Carabinieri di Torino stanno notificando una misura cautelare di divieto di dimora a 17 persone. Da stamattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Torino stanno eseguendo una misura cautelare di divieto di dimora. Questo prevede l’obbligo di dimora e il divieto di allontanarsi dall’abitazione per alcune ore del giorno. La misura è stata emessa dal Tribunale di Torino su richiesta del gruppo criminalità organizzata. Sono 17 gli attivisti, 14 italiani e 3 francesi. Questi sono in parte aderenti alla compagine anarco-ambientalista “Briser Les Frontieres”.

ERA IL DICEMBRE DEL 2018

I diciassette sono componenti dell’antagonismo torinese e valsusino. L’indagine dei militari dell’Arma dei Carabinieri. E’ stata condotta tra febbraio 2018 e marzo 2020. Ha dimostrato la responsabilità, a vario titolo dei soggetti. Quindi tra essi ci sono dodici donne. Sono accusati per i reati di invasione di edifici e violazione di domicilio. I fatti contestati si riferiscono all’occupazione abusiva dei locali della Chiesa di Claviere del 9 dicembre del 2018. Allo stesso modo il locale fu trasformato in rifugio autogestito e utilizzato per iniziative di lotta e propaganda politica. Anche per fornire assistenza ai migranti irregolari che volevano oltrepassare il confine transalpino attraverso il valico del Monginevro.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!