Cantiere TAV: lacrimogeni contro il corteo del Movimento NoTav Tutto si è svolto lungo il sentiero verso la Val Clarea

Movimento NoTavMovimento NoTav

CHIOMONTE – Si sono registrati momenti di tensione presso il cantiere TAV alla Maddalena. Nel corso del corteo del Movimento NoTav i  manifestanti hanno tentato di forzare le protezioni del cantiere. Tutto si è svolto lungo il sentiero verso la Val Clarea dove un cancello che blocca il passaggio verso la zona degli ex Mulini. Le Forze dell’Ordine  hanno utilizzato i lacrimogeni per respingere i manifestanti. Secondo alcune fonti interne al Movimento NoTav la reazione sarebbe cominciato quanto alcuni manifestanti hanno iniziano a tagliare il cancello che impedisce il passaggio sul sentiero principale. L’ultimo ostacolo per arrivare al presidio NoTav degli ex Mulini.

IN CLAREA

Nel pomeriggio qualche centinaio manifestanti è partito dal campo sportivo di Giaglione in direzione del Cantiere TAV in Clarea. Spiegano i NoTav. “Il presidio è attraversato da giovani e giovanissimi della valle e di tutta Italia. E’ luogo di discussione. Di messa in pratica di forme di vita diverse da quelle devastanti e inquinanti che vengono adottate a pochi metri di distanza. E’ una fase complessa ma piena di importanti semi per il futuro. Mentre la valle viene militarizzata, vengono emessi decine di avvisi orali. Vengono arrestate e costrette ai domiciliari figure storiche del movimento come Nicoletta, Giorgio, Mattia ed Emilio, mentre tutto questo accade. Una nuova coscienza, una nuova attualità del No Tav si fa spazio incrociandosi con i fenomeni complessi che stanno attraversando la nostra epoca”.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!