Avigliana: l’iniziativa popolare e le opposizioni per l’area verde dei “Prati della Pertusera” Barbara Debernardi, portavoce dell’iniziativa, ha di fatto bloccato l'uso dello spazio

pet

AVIGLIANA – Si è tornato a parlare dell’area della Pertusera di Avigliana nell’incontro di una commissione consigliare allargata ai proponenti dell’iniziativa popolare finalizzata al blocco speculativo sull’area. Si tratta dei terreni privati che costeggiano il nuovo insediamento commerciale dove ha sede il supermercato Conad, il ristorante Mc Donald e altre marche. In quell’area l’amministrazione aveva annunciato l’apertura di un nuovo distributore di benzina. Un secondo nella stessa zona. Era così nata un’iniziativa popolare “Prati della Pertusera”. Questa ha ha raccolto oltre 400 firme, 271 autografe e le altre sulla piattaforma https://pratidipertusera.wordpress.com. Un successo enorme se si considera il difficile momento di emergenza e l’impossibilità di organizzare momenti di raccolta firme e confronti. Insomma Avigliana ha detto no, e l’ha fatto con un’iniziativa affatto estemporanea. I comitati sono regolamenti dallo statuto comunale ed hanno una loro valenza anche legale.

IL COMITATO

Barbara De Bernardi, portavoce dell’iniziativa e già sindaco di Condove, ha spiega. “Intanto bisogna chiarire che nella relazione tecnica-illustrativa e antincendio allegata al progetto del distributore fosse presente un errore relativo alle aree confinanti. A ovest infatti il nuovo distributore risulta vicino a terreni agricoli. Non con un centro commerciale e un altro distributore, falsando il calcolo delle distanze di sicurezza previste dalla normativa vigente. Il distributore credo sia ormai definitivamente caduto. Non è invece concluso l’iter della Proposta di iniziativa popolare, che necessiterà ancora di ulteriori valutazioni e incontri tra Comune e cittadini. Incontri che speriamo di poter prossimamente fare in presenza, attorno ad un tavolo, davanti alle carte, per riuscire a estendere la tutela dalla cementificazione anche ai residui 30 metri della cosiddetta “fascia di rispetto“.

DALL’OPPOSIZIONE

Spiega Toni Spanò, gruppo Adesso Avigliana. “Il progetto del distributore era stato presentato dalla passata amministrazione, di cui l’attuale sindaco faceva parte. Si tratta di proprietà privata che eventualmente poteva essere acquista o gestita in modo differente. C’è la solita mancanza di progettualità che qualifica questa amministrazione sempre. Abbiamo notato posizioni differenti all’interno della stessa giunta comunale che evidentemente non è coesa e cerca soluzioni nelle opposizioni. Ci troviamo nelle condizioni che un assessore non sapendo che fare chieda più volte il parere delle opposizioni”.

LA CALLEGARI

Tatjana Callegari Movimento 5 Stelle Avigliana. “Buona iniziativa cittadina che rappresenta una vera forma di democrazia partecipata. Come per tutte le proposte è opportuno approfondire nelle sedi previste e un primo passo è stato fatto proprio l’altra sera durante le commissioni congiunte. Ognuno ha avuto la possibilità di esprimere il proprio punto di vista e penso che l’amministrazione abbia elementi sufficienti che possano portarla a decidere come proseguire rispetto alla proposta in merito. La sensazione è stata di apertura e condivisione riguardo ad un prossimo incontro per approfondire ulteriormente ed avere anche maggiori aggiornamenti sulla linea che intenderà seguire”.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

city car banner