Alpini della Valsusa: il presidente Giancarlo Sosello insignito della medaglia dell’amicizia degli Chasseurs Alpin

EXILLES – Alpini della Valsusa: il presidente Giancarlo Sosello insignito della medaglia dell’amicizia degli Chasseurs Alpin.

UNA MEDAGLIA AL PRESIDENTE DEGLI ALPINI SOSELLO

Ad Exilles in occasione dell’annuale raduno della penne nere della Valsusa il presidente sezionale Giancarlo Sosello ha ricevuto un inaspettato e gradito dopo dagli amici francesi dell’Associazione Chasseurs Alpin: la medaglia dell’amicizia. Si tratta di un simbolo della cordialità e dell’unione che unisce le due associazioni nel ricordo e nella solidarietà. Lo stesso Sosello durante la manifestazione ha ricordato “la presenza ad Exilles è davvero notevole tra alpini, alpini in armi, associazioni, due fanfare e tanto pubblico. Noi siamo qui ogni anno nel ricordo di chi ci ha preceduto perchè tutto il valore e la storia Patria abbia un significato anche attraverso la nostra presenza. Gli amici francesi sono sempre con noi da anni e li ringraziamo per questa presenza che rende queste giornate sotto il Forte ancora più importanti”. La delegazione francese ha poi appuntato la medaglia lasciando anche una pergamena ricordo. Il rappresentata ha poi letto in italiano, un messaggio di amicizia e ringraziamento per i momenti passati insieme, in spirito europeo, tra francesi e italiani.

CONOSCETE GLI CHASSEURS ALPIN?

Le truppe di montagna sono un corpo dell’esercito francese composto da tutte le unità specializzate nella lotta in montagna. I soldati di montagna provengono dalla fanteria , ma anche dalla cavalleria, dagli ingegneri, dall’artiglieria , dalle trasmissioni o dall’equipaggiamento. Ad eccezione dei legionari del 2° Reggimento Ingegneri Stranieri che indossano il berretto verde, i soldati di montagna, siano essi cacciatori alpini, fanti, cavalieri o artiglieri di montagna, sono riconoscibili dal loro grande berretto nero, soprannominato la “torta”. Se il colore e la forma sono gli stessi, il badge differisce a seconda dell’arma a cui appartiene. Create nel 1888 per difendere il confine delle Alpi dalla minaccia italiana e dai suoi alpini, le truppe di montagna hanno conosciuto molte organizzazioni e unità diverse nella loro storia. Le ultime unità esistenti sono ora raggruppati nella 27ª brigata di fanteria di montagna. Le truppe di montagna hanno il loro museo a Grenoble e il loro memoriale sul Monte Jalla. Dal 1999 fanno parte la Brigata di fanteria da montagna, e sono attualmente organizzati in tre battaglioni: Grenoble, Chambery e Annecy. Tutti e tre i battaglioni hanno sede nelle città delle Alpi francesi, da cui il nome delle unità.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.