Alpignano: in primavera senso unico sul Ponte Nuovo, Linda Genre “Si tratta di un evidente danno per l’economia cittadina” Il Ponte Nuovo di Alpignano è ancora l'argomento principale in paese

Alpignano Ponte Nuovo

ALPIGNANO – Il Ponte Nuovo di Alpignano è ancora l’argomento principale in paese. In questi giorni di si è svolta una conferenza web tra Comune, Città Metropolitana e categorie di utenti. S’è appresa la data dei lavori, il costo e le modalità operative. Ha spiegato il sindaco Steven Palmieri. “Durante l’incontro sono stati discussi molti argomenti, abbiamo dato la nostra linea politica ed espresso le criticità tecniche e pratiche che la cittadinanza ha evidenziato in questi ultimi mesi. Ci siamo fatti relazionare su quali saranno i prossimi interventi che la Città Metropolitana metterà in atto per risolvere la situazione“. Il primo cittadino ha poi spiegato in una video conferenza il progetto.

DALL’OPPOSIZIONE LINDA GENRE

Linda Genre, consigliere comunale d’opposizione, ha seguito il tema già in campagna elettorale approfondendo le questioni legate alla ristrutturazione dl Ponte Nuovo di Alpignano. Oltre i dovuti lavori al manufatto c’è anche  la questione, non secondaria, della sua futura gestione che dovrebbe passare dall’ente Città Metropolitana di Torino alla municipalità di Alpignano. “Noi, unitamente al sindaco, continuiamo a opporci con fermezza. Data l’impossibilità economica delle casse comunali di sostenere questa ingente spesa. Una visione sull’urbanistica e la territorialità passa sia attraverso la via del Ponte Nuovo, che dovrà avere gli utili strumenti economici di gestione, che verso nuovi percorsi da tempo teorizzati ma mai davvero perseguiti negli anni”. Spiega Linda Genre.

DOPPIO SENSO?

Si è appreso che nella primavera verranno iniziati gli importanti lavori sulla struttura. Faccio notare alcune specificità e importanti questioni che vanno affrontate con serietà e immediatezza – spiega la Genre – dopo i lavori il limite sarà fino a 26 tonnellate e solo su deroga a 44 tonnellate. E’ un limite che non consentirà un passaggio di merci fluido, non risolverà le necessità dell’agricoltura e d’altro canto complicherà il commercio e la vita quotidiana. Chiediamo con forza la terza via di attraversamento! Inoltre per la prima fase dell’esecuzione dei lavori verrà utilizzato un senso unico alternato. Si tratta di un evidente ed ulteriore danno per l’economia cittadina“. Il gruppo consigliare di Linda Genre chiederà maggiore attenzione all’amministrazione e vigilerà sui progetti, sui lavori chiedendo che inizi da subito la ricerca di una nuova soluzione di collegamento.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!