Al Ferrari di Susa presentata la curvatura in gestione d’impresa agroalimentare Il corso sarà supportato con le tecniche più innovative, utilizzando soprattutto la robotica

Susa Istituto FerrariSusa Istituto Ferrari

SUSA – Lunedì 18 dicembre, alla presenza dell’assessore regionale Gianna Pentenero, è stata presentata la nuova “curvatura”. Cioè l’insieme di materie, previste per il nuovo corso di gestione di impresa agroalimentare che sarà attivo per il prossimo anno presso l’Istituto di Istruzione Superiore Enzo Ferrari di Susa. Il corso e le sue specifiche attuazioni nel futuro del mondo del lavoro sono stati il tema dell’incontro avvenuto presso l’Auditorium dell’Istituto. Ha detto la Dirigente del Ferrari di Susa Anna Giaccone. Il nuovo corso di gestione di impresa agroalimentare, la “curvatura” di materie. Sarà attivo per il prossimo anno scolastico. Alla classe prima dell’indirizzo professionale dei servizi commerciali. Si aggiungerà la curvatura del corso di studi di gestione d’impresa agroalimentare. Al termine del quale si potrà dunque ottenere il diploma di tecnico d’impresa agroalimentare“.

I RAGAZZI

I ragazzi in possesso di questo diploma possederanno gli strumenti e le conoscenze per progettare e aprire una propria attività imprenditoriale. Valorizzando le ricchezze e le risorse di Valle, ovviamente nei settori dell’agricoltura e dell’allevamento. Inoltre potranno creare attività agrituristiche. Presente alla presentazione il presidente Antonio Ferrentino di Città del Bio. Il processo agroalimentare legato al Bio è il futuro sia nella gestione che nella commercializzazione. E’ dunque un’ottima iniziativa quella della scuola segusina che istruirà con strumenti innovativi questo processo d’istruzione e crescita di nuovi imprenditori. Un settore che sempre più diventerà un ambito lavorativo. Il Ferrari si pone in modo propositivo e strutturato per essere l’anello di congiunzione tra istruzione e impresa”.

IL CORSO

Il Ferrari in questo modo promuove ulteriormente un ritorno alla coltivazione della terra. Il tutto in collaborazione con Città del Bio, e con le varie associazioni di categoria, comprese quelle degli artigiani e dei commercianti locali. Spiega la dirigente Anna Giaccone: “Si tratta di una prima assoluta in Valle, e visto che questa scuola possiede e vanta certe caratteristiche specifiche nel campo delle tecnologie più avanzate, il corso sarà supportato con le tecniche più innovative, utilizzando soprattutto la robotica, e dunque anche i droni, e sperimentando attività decisamente avveniristiche come le coltivazioni idroponiche”.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!