Bardonecchia, al Montagne in noir con le regine del thriller Dal 6 all'8 settembre al Palazzo delle Feste

bardonecchia noir

BARDONECCHIA – Al via la 2ª edizione del festival Montagne in noir a Bardonecchia. In uno scenario di generale difficoltà per l’editoria italiana, penalizzata da un Paese che com’è noto “legge poco”, il genere letterario giallo-noir-thriller si contraddistingue per essere quello più in salute. Gli autori di polizieschi, stranieri ma anche italiani, piacciono a un pubblico sempre più vasto e ormai da parecchi anni hanno smesso di essere considerati scrittori di “serie B” o di semplice intrattenimento. Anzi, sempre di più il genere noir – che spesso affronta temi di bruciante attualità – viene considerato la forma di romanzo sociale più attuale e approfondita, sempre coniugando l’impegno con le sue caratteristiche di intrattenimento tipiche di questa forma letteraria.

Bardonecchia, Palazzo delle Feste

Anche cinema e televisione negli ultimi anni si sono rivolti agli autori noir italiani per realizzare alcune fiction di grande successo, non solo nei confini nazionali. Si pensi alla serie televisiva del commissario Montalbano, a “Nebbie e delitti”, con Luca Barbareschi, che ha portato sul piccolo schermo i romanzi di Valerio Varesi; e alle più recenti produzioni del vicequestore Schiavone e dei “Bastardi di Pizzofalcone”, usciti dalle penne di Antonio Manzini e Maurizio De Giovanni.

IL PROGRAMMA

Venerdì 6 settembre l’apertura festival, saluto organizzatori e autorità. Tavola rotonda “Globalcrime, le nuove mafie tra cronaca e fiction”, con Andrea Cotti (scrittore), Paolo Borgna (procuratore della Procura di Torino), Giuseppe Legato (giornalista La Stampa) e Gian Luca Campagna (scrittore). Conduce Beppe Gandolfo, giornalista Mediaset. Aperitivo di saluto e cena con animazione teatrale.

Sabato 7 settembre “Le regine del thriller”, incontro con Elisabetta Cametti intervistata da Giorgio Ballario e Rocco Ballacchino di Torinoir. Quindi aperinoir con presentazione libri “La pelle del lupo” di Fabio Girelli e “Il profumo dell’ultimo tango” di Gian Luca Campagna. Conduce: Marco DiBenedetto. La paura fa 90: tavola rotonda sui 90 anni del Giallo Mondadori e sul giallo storico italiano con Franco Forte (scrittore e direttore editoriale Mondadori), Cecilia Scerbanenco (scrittrice, figlia di Giorgio Scerbanenco) e Enrico Pandiani (scrittore, membro di Torinoir). Quindi conduce Massimo Tallone di Torinoir. “Intrighi e delitti in provincia”, incontro con Andrea Vitali (presenta Emiliano Bezzon di Torinoir). “Dove andranno le anime di vetro?”: Maurizio De Giovanni a colloquio con Enrico Pandiani di Torinoir. Cena con gli autori più animazione teatrale.

LA DOMENICA

Domenica 8 settembre “La donna della domenica. Giallo e non solo…”. Patrizia Durante di Torinoir intervista Margherita Oggero. Presentazione del “laboratorio giallo” degli studenti del liceo Frejus di Bardonecchia. Aperinoir con presentazione dei libri “La strategia del coniglio” di Maurizio Blini e “Morte ad Asti” di Fabrizio Borgio“, presenta Marco DiBenedetto di Torinoir. “La scrittrice senza nome”: incontro con Alice Basso, intervistata da Patrizia Durante di Torinoir. Premiazione del concorso letterario “Nero su ghiaccio”, in collaborazione con Giallo Mondadori. Presentazione antologia “Fuori fuoco” (Spunto Edizioni) a cura di Luoghi di Libri. Incontro con gli autori di Torinoir e chiusura del festival.