Valsusa: 300 metri quadri di discarica abusiva sequestrata a Borgone Il titolare denunciato all’autorità giudiziaria.

BORGONE – Valsusa: 300 metri quadri di discarica abusiva sequestrata a Borgone. I Carabinieri del Gruppo Forestale di Torino, hanno effettuato un controllo all’interno di una ditta di stoccaggio e smaltimento di rifiuti. E’ emersa una gestione illecita di rifiuti pericolosi. Come lo smaltimento tramite combustione di liquidi oleosi e materiali plastici. Anche la presenza di lavoratori in nero. Un’area di 300 metri quadri è stata sequestrata e il titolare denunciato all’autorità giudiziaria.

I CARABINIERI FORESTALI

Con il decreto legislativo del 2016 le funzioni di polizia Corpo forestale dello Stato sono passate ai Carabinieri Forestali. Così è stato istituito il Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari. Dal quale dipendono reparti dedicati all’espletamento di compiti particolari e di elevata specializzazione in materia di tutela dell’ambiente. Poi del territorio e delle acque, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare. Le funzioni sono state attribuite all’Arma dei Carabinieri. Il Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dipende gerarchicamente dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Quindi funzionalmente dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali per le materie afferenti alla sicurezza. Tutela agroalimentare e forestale.

I CARABINIERI FORESTALI

Con il decreto legislativo del 2016 le funzioni di polizia Corpo forestale dello Stato sono passate ai Carabinieri Forestali. Così è stato istituito il Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari. Dal quale dipendono reparti dedicati all’espletamento di compiti particolari e di elevata specializzazione in materia di tutela dell’ambiente. Poi del territorio e delle acque, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare. Le funzioni sono state attribuite all’Arma dei Carabinieri. Il Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dipende gerarchicamente dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Quindi funzionalmente dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali per le materie afferenti alla sicurezza. Tutela agroalimentare e forestale.

IL COMANDO

Del Comando, inoltre, si avvale il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, del mare e del turismo limitatamente allo svolgimento delle specifiche funzioni espressamente riconducibili alle attribuzioni dello stesso Ministero. Dal Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dipendono il Comando Carabinieri per la Tutela Forestale. E il Comando Carabinieri per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi. Poi il Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale e il Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare. Il Comando Carabinieri per la Tutela Forestale riunisce sotto un unico comando tutti i reparti forestali con competenze presidiarie e prive di una particolare connotazione specialistica. Retto da Generale di Brigata del Ruolo Forestale. Quindi alle dipendenze un Nucleo Informativo Antincendio Boschivo e i 14 Comandi Regione Carabinieri Forestale. In questi ultimi sono inquadrati 83 Gruppi Carabinieri Forestali, da cui dipendono le quasi 800 Stazioni Carabinieri Forestali.

LA TUTELA DEL TERRITORIO

Il Comando Carabinieri per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi, retto da Generale di Divisione o di Brigata. Esercita funzioni di direzione, di coordinamento e di controllo dei Raggruppamenti Carabinieri Biodiversità, Parchi e CITES, preposti. Alla tutela della biodiversità nelle 130 riserve naturali statali, alla tutela dei parchi nazionali. E all’applicazione della CITES. In particolare il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità. Quindi si articola in 28 Reparti Carabinieri Biodiversità da cui dipendono i 3 Centri Nazionali Carabinieri Biodiversità. E i 40 Nuclei Carabinieri Tutela Biodiversità. Il Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale, la cui struttura è articolata su 3 Gruppi Tutela Ambientale e 29 Nuclei Operativi Ecologici. E’ chiamato a contrastare i fenomeni di inquinamento. Di abusivismo edilizio nelle aree protette e di smaltimento illecito delle sostanze tossiche.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.