Crea sito

Torna la Festa del Piemonte al Colle dell’Assietta ricordando la vittoria sui francesi Domenica 21 luglio la rievocazione storica

Assietta festa piemonte(foto Enrico Artale)

di ALESSIA GIORDA

COLLE ASSIETTA – La Festa del Piemonte all’Assietta domenica 21 luglio, 51 edizione, l’Associazione “Festa dël Piemont al Còl ëd l’Assieta” torna rinnovata nel suo direttivo. Nel solco coloro che iniziarono a salire a 2.566 metri per ricordare una delle pagine più importanti, non solo della storia Regno di Sardegna, ma dell’Europa intera, tra cui don Trappo, e Guido Amoretti.

Assietta festa piemonte

(foto Enrico Artale)

LA FESTA DEL PIEMONTE

Lassù infatti si incontrarono, uomini di mezzo continente, chi a servizio del giglio di Francia, chi dell’aquila sabauda o imperiale. Tradizione rispettata nel volantino, con il testo in piemontese accanto a quello in italiano, ma nuova veste grafica con un baffuto granatiere che occhieggia insieme alle immagini dell’obelisco durante una rievocazione passata per la Festa del Piemonte all’Assietta.

Quest’ultima è organizzata dal Coordinamento Rievocazioni Storiche 1600-1700, che da qualche anno ormai è presente con i suoi rievocatori, che oltre a provenire da Bassa Valle di Susa e Torino, quest’anno arriveranno Genova e Bologna. A ricordo del grande lavoro fatto dal Generale Amoretti, uno dei padri fondatori della Festa sarà presente anche una rappresentanza del Gruppo Storico Pietro Micca.

Assietta festa piemonte

(foto Enrico Artale)

LA BATTAGLIA DELLA DOMENICA

Sebbene il clou della Festa del Piemonte all’Assietta sia la domenica sin dal sabato sarà montato l’accampamento storico, nei pressi del lago antistante il Rifugio Assietta, che quest’anno, importante novità, lavorerà in sinergia con l’organizzazione nella preparazione dei pasti del sabato sera e della mitica polenta della domenica.

Ai curiosi, agli appassionati e a chi semplicemente vuole saperne di più quest’anno saranno proposte le visite guidate al campo di battaglia al sabato e domenica alle 15 condotte da Alessia Giorda, guida turistica, nonchè Presidente del Coordinamento Rievocazioni Storiche 1600-1700 e dallo storico militare Eugenio Garoglio.

Assietta festa piemonte

(foto Enrico Artale)

IL RACCONTO

Il racconto della battaglia, storia e architettura visti da vicino per meglio comprendere. Arrivarci è un’esperienza, un rito, quest’anno lo è ancora di più visto che si è concomitanza con una gara ciclistica. Si ricorda che è altamente consigliato il percorso della Val Chisone da Pinerolo, direzione Sestriere, sino al bivio di Usseaux, Balboutet, Pian dell’Alpe, a monte di Fenestrelle, da dove parte la Strada sterrata, ricordiamo, inoltre che è in vigore per la sola domenica 21 luglio il senso unico di circolazione dalle 6 alle 11 in salita e dalle 14 alle 18 in sola discesa.

Assietta festa piemonte

(foto Enrico Artale)

LE VISITE

Oltre alle visite guidate al sabato, ricordiamo la fiaccolata sino alla Butta dei Granatieri insieme ai rievocatori, dove ci sarà un momento di ricordo per i caduti a cui seguirà vicino al Rifugio Assietta il falò, e un ristoratore vin brulé, canti e balli. Il programma della domenica inizia con il raduno delle truppe alle ore 9,30, Santa Messa in Piemontese alle ore 10 alla presenza dei gonfaloni, e delle autorità civili e militari, animata dalla banda musicale di Cavour. A seguire commemorazione all’Obelisco della Butta e poi alle ore 11 Rievocazione della Battaglia nei pressi del Rifugio Assietta. In caso di maltempo la manifestazione si terrà in forma ridotta, ma sempre con lo spirito che caratterizza l’Assietta. Per tutte le informazioni e prenotazioni : 337-225401- 347-5288615, per le visite guidate 339-8041515.