Crea sito

Susa, i cori degli studenti risuonano nell’Arena romana La mattinata di “Immagini sonore” con tante scuole protagoniste

SUSA – Si è svolto questa mattina, venerdì 1° giugno, un incontro musicale organizzato dall’Istituto Scolastico Enzo Ferrari di Susa che ha avuto per protagonisti e il gruppo Ensemble Futura e il Coro Internazionale Mani Canto della gestualità del canto in LIS, il Coro dell’Istituto Comprensivo Primo Levi di Rivoli, il Coro Pequehans Huellas e quelle dell’Istituto Curie di Collegno. Un luogo storico che ha accolto centinaia di studenti provenienti dalla Valle, come quelle dell’Istituto Comprensivo di Condove, per l’appuntamento: “Immagini sonore”.

Spiega la Dirigente Scolastica Anna Giaccone: “Ci tengo in particolar modo a ringraziare il Sindaco di Susa Sandro Plano,  l’Ufficio Tecnico, gli operai e la Polizia Locale della Città di Susa che si sono adoperati con tanta competenza per garantire la buona riuscita della manifestazione.  Particolare stima alla Croce Rossa di Susa presente e attenta ad ogni emergenza e agli addetti alla sicurezza dell’Enzo Ferrari capeggiati da Di Pietro.  Un grazie di cuore a Germano Bellicardi che ha donato alle scolaresche provenienti da Torino e provincia una riflessione guidata tra i tesori storici ed artistici della nostra unica e bella Città di Susa. E poi che dire dello staff dell’Enzo Ferrari?  Senza Andrea Genta, le assistenti amministrative, gli assistenti tecnici,  i collaboratori scolastici e il vice presideVito Piazza tutto ciò non si sarebbe potuto realizzare! Inoltre un plauso a Enza Oliveto per la raffinata competenza nella Lingua dei Segni,  per aver creato il Coro Mani Bianche dell’ Enzo Ferrari e, soprattutto,  per infondere in tutti noi la passione e la grinta per la valorizzazione e l’inclusione delle diversità. Infine, un commosso ringraziamento ad Annamaria Capra dell’Ufficio Inclusione del Provveditorato, regista e anima dell’evento che ha saputo con tanta maestria raccordare scuole diverse ed esigenze diverse accompagnandoci per mano in ogni minuto della progettazione e realizzazione del concerto. A conclusione dell’evento ho voluto citare le parole recentemente regalatemi da un caro amico poliziotto dell’ufficio scorte di Palermo testimone delle stragi di Capaci e di via D’Amelio – Tutti noi , a partire dalle istituzioni, siamo in debito con i giovani- Oggi all’arena credo che sia stato fatto un passo avanti per lasciare  ai nostri ragazzi un futuro migliore“.

Sui gradoni dell’anfiteatro romano anche la consigliera regionale Stefania Batzella che ha detto: “Sono felice di esserci stata e ringrazio per l’invito, che ho accolto con grande piacere ed entusiasmo: la musica aiuta a superare le barriere e favorisce l’inclusione scolastica e sociale.  Questo evento musicale è segno di grande sensibilità da parte delle Istituzioni scolastiche“.