Richiesta in Parlamento la responsabilità sul tamponamento sull’Autostrada Torino-Bardonecchia Interrogazione

ROMA – Con un’interrogazione la deputata di Italia Viva Silvia Fregolent ha richiesto al Ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini che verifichi le eventuali responsabilità della Sitaf sull’incidente in A32. Si parla del maxi tamponamento avvenuto il 14 febbraio nel tratto tra Torino e Bardonecchia. Spiega la deputata torinese. “E’ stato drammatico ed ho chiesto con un interrogazione al neo ministro delle Infrastrutture e Trasporti Enrico Giovannini di verificare che Sitaf abbia garantito la sicurezza del manto stradale dell’autostrada A32. Anche in relazione all’allerta meteo emanata da tempo, e di appurare che gli interventi di manutenzione siano stati correttamente realizzati dalla società concessionaria. E’ necessario fare tutto il possibile per prevenire tragici episodi simili“.

silvia fregolent

IN REGIONE

Anche in Regione Piemonte è arrivata una richiesta di chiarimenti da parte del Consigliere Daniele Valle.  “Il 14 febbraio scorso si è verificato, sulla A32 Torino-Bardonecchia, un maxitamponamento che ha coinvolto 25 mezzi. Causando la morte di 2 persone e il ferimento di altre 31 e la conseguente chiusura dell’autostrada, nel tratto fra Susa e Oulx, per diverse ore. Secondo le testimonianze delle persone coinvolte, l’incidente sarebbe stato causato dalla presenza di uno strato di ghiaccio sul manto stradale. Alcuni esponenti degli Enti Locali della zona hanno espresso accuse contro Sitaf. La società concessionaria responsabile del tratto autostradale interessato che, nonostante le previsioni meteorologiche prevedessero, proprio in quei giorni, un forte abbassamento delle temperature, oltre a maltempo, gelate e nevicate, non avrebbe preso alcuna precauzione“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale You Tube L’Agenda.