Qualità dell’aria: le misure urgenti messe in campo dalla Regione Piemonte Dalla mobilità all’agricoltura passando per i generatori di calore a biomassa

TORINO – Qualità dell’aria: le misure urgenti messe in campo dalla Regione Piemonte (Comunicato Regione Peimonte).

QUALITÀ DELL’ARIA IN PIEMONTE

Mobilità, pubblica e privata, agricoltura e riscaldamento: sono queste le tre direttrici sulle quali è declinata l’azione della Regione Piemonte per il miglioramento della qualità dell’aria. Sul fronte della mobilità, in particolare, sono stati attivati, e sono tutt’ora in corso, bandi per 150 milioni di euro; nello specifico si tratta di 143 milioni di euro per il programma di rinnovo del parco veicoli del trasporto pubblico locale su gomma, in collaborazione con i Trasporti, e 7 milioni di euro di incentivi per il rinnovo delle flotte aziendali. Nel capitolo mobilità rientrano poi anche 3 milioni di euro per il progetto di ampliamento delle aree a limitazione del traffico, per motivi ambientali, che ha registrato la manifestazione di interesse di 19 Comuni, che hanno portato all’individuazione di 12 progetti in linea con le finalità ambientali.

LA MOBILITÀ

Per la mobilità pubblica è inoltre prevista, entro il 2022, la riapertura del bando dedicato agli incentivi per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale, misura che conta su una disponibilità finanziaria di 3 milioni e 600mila euro, cui si aggiungono altri 3 milioni e 300mila euro per il bando relativo al programma di interventi per l’adattamento degli ambiti urbani a nuove forme di mobilità sostenibile. Ingente poi – 40 milioni di euro – la dotazione sul POR FESR 21-27 per promuovere la mobilità ciclistica con un bando che vedrà l’avvio entro il 2023.

IN AGRICOLTURA

Sul capitolo “agricoltura” gli incentivi ammontano a 64 milioni di euro destinati agli allevamenti zootecnici per l’introduzione di sistemi di allontanamento rapido delle deiezioni dalle strutture di stabulazione, per la realizzazione di coperture, fisse o mobili, sulle strutture di stoccaggio dei reflui zootecnici e dei digestati e per l’utilizzo delle migliori tecniche per la loro distribuzione in campo. Sul fronte del riscaldamento è tutt’ora attivo – chiuderà il 1° settembre del 2023 – il bando destinato ai cittadini piemontesi, per la rottamazione di vecchi generatori a biomassa legnosa (stufe e caldaie) di potenza inferiore a 35 Kwt, e l’acquisto di nuovi generatori certificati e innovativi. Il bando ha una copertura finanziaria di 8 milioni e 961mila euro.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.