Piemonte: per il PNRR del Wireless disponibili fino a 260 milioni

TORINO – E’ stata la Città Metropolitana di Torino la sede della seconda tappa del tour regionale di presentazione di Piemonte digitale 2030, il programma d’azione che sostiene e accompagna i Comuni piemontesi nell’accesso ai fondi per la trasformazione digitale, a partire dai bandi del Pnrr attualmente on line per arrivare a fondi Fesr.

LA TASK FORCE DI CSI E TORINO WIRELESS RISPONDE AI COMUNI

A disposizione degli amministratori una task force di professionisti ed esperti del Csi Piemonte e della Fondazione Torino Wireless, che risponderanno alle mail inviate a pnrr.digitale@regione.piemonte.it e al numero di telefono 011.4324006, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 da lunedì al venerdì. L’obiettivo è chiarire i dubbi e fornire assistenza nella risposta ai bandi, ma anche un’assistenza a livello amministrativo. Solo dai bandi del Pnrr possono arrivare fino a 260 milioni di euro per la digitalizzazione del territorio piemontese, cui si aggiungeranno le altre risorse provenienti dalla programmazione europea 2021-2027 a cominciare dai fondi Fesr.

PIEMONTE DIGITALE 2030, CORSA CONTRO IL TEMPO PER I BANDI PNRR

“Siamo in un momento storico estremamente ricco di opportunità con i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza – ha affermato l’assessore regionale all’Innovazione Matteo Marnati – Si tratta di una mole di risorse e di opportunità, ma occorre favorire conoscenza e assistenza per essere veloci e bravi per intercettare queste risorse. La digitalizzazione della Pubblica amministrazione è un processo che migliorerà la vita dei cittadini e che porterà anche ad un miglioramento sotto il profilo ambientale, dal momento che si ridurranno gli spostamenti e si genererà anche un risparmio per le amministrazioni”.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.