Piano trasporti pronto per la riapertura delle scuole in Piemonte Due gli scenari ipotizzati

autobus

TORINO – Piano trasporti pronto per la riapertura delle scuole in Piemonte. Il piano di riorganizzazione del trasporto locale, adeguato alle norme anti Covid in vista della possibile riapertura della scuola, è pronto. È stato approvato in accordo con le scuole e con le prefetture. Ora la ripartenza dipende esclusivamente dall’andamento dell’epidemia. Questo il messaggio principale espresso nella seduta della Commissione Trasporti di oggi, presieduta da Mauro Fava.

DUE SCENARI

L’assessore Marco Gabusi ha infatti spiegato: “L’assessorato ai Trasporti, l’Agenzia della Mobilità e i Tavoli Tecnici guidati dai Prefetti hanno lavorato per individuare le necessità del sistema scolastico. E, di conseguenza, attivare i servizi aggiuntivi necessari per trasportare in sicurezza gli studenti delle scuole superiori. Due gli scenari ipotizzati. Il primo punta sulla presenza in aula del 50% degli studenti a rotazione su un turno unico di entrata e uscita. Può contare su 4.300 corse in più alla settimana per il servizio autobus urbano ed extra urbano, e 105 corse bus aggiuntive a supporto del servizio ferroviario. Per un costo stimato di 800 mila euro alla settimana. Il secondo scenario ipotizza invece la didattica in presenza al 75%. Per la quale diventa indispensabile impostare gli ingressi e le uscite su due turni. E richiede uno sforzo di servizi aggiuntivi che porta il costo ad oltre 2 milioni alla settimana“.

LE COPERTURE ECONOMICHE

Per quanto riguarda le coperture economiche l’assessore ha confermato che i 10 milioni dirottati temporaneamente sulla Sanità saranno rimessi rapidamente sui Trasporti. ”Non potrebbe essere altrimenti in un momento che vede nel trasporto pubblico il nodo principale per la ripresa della scuola in presenza in tutto il Piemonte”. Inoltre l’assessore ha precisato che saranno predisposti servizi di vigilanza per evitare assembramenti alle fermate, nelle stazioni e nei pressi delle scuole. Al termine la Commissione ha ascoltato la relazione introduttiva della Proposta di legge 125 di Valter Marin sulle “Norme di semplificazione in materia urbanistica ed edilizia”, fissando il temine per le consultazioni online al 13 febbraio 202. La nuova proposta di legge, che va di fatto a sostituire la Pdl 70 già presentata dallo stesso Marin nei mesi scorsi ma poi superata da nuove norme nazionali, propone una serie di adeguamenti e modifiche a leggi in vigore in materia di riqualificazione urbana. In particolare si occupa di semplificare le pratiche per il recupero e il riuso di edifici esistenti. Sono intervenuti i consiglieri: Alberto Avetta (Pd), Ivano Martinetti (M5s), Francesca Frediani (Gruppo misto), Sean Sacco (M5s), Valter Marin (Lega), Maurizio Marello (Pd).

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!