Personaggi di Avigliana: Gianfelice Capello, l’ufficiale d’artiglieria con la Medaglia d’Onore Trascorse due anni come internato militare in Germania

pet

AVIGLIANA – Il Comune di Avigliana ha consegnato l’onorificenza della Presidenza del Consiglio dei ministri questa mattina ai familiari di Gianfelice Capello. Ufficiale internato dal 1943 fino al 1945 in Germania e Polonia. A ricevere l’onoreficenza è stata la la famiglia del militare scomparso nel 2009, i figli e i nipoti.

IN GUERRA

Capello era ufficiale di complemento e combattè nella guerra di Grecia. Fu catturato dai tedeschi l’8 settembre del 1943. Aveva 21 anni e si trovava in Albania al comando di una batteria di artiglieria. Non avendo avuto comunicazioni dell’armistizio firmato dall’Italia con gli anglo-americani, fu avvicinato dalle truppe tedesche. Dopo aver contattato i militari italiani in forma amichevole promisero di riportarli in Italia. Giunti a Lubiana fu arrestato. Gianfelice Capello, dopo i due anni trascorsi come internato militare, tornò in Italia dove proseguì la carriera militare. Si congedò con il grado di Colonnello. Visse fino al 2009, appena due anni dopo essere andato in pensione.

gianfelice_capello

IN PRIGIONIA

Capello fu trasferito in molti campi in Germania e in Polonia. Subì molte angherie con la promessa di trattamenti migliori, qualora avesse aderito alla Repubblica di Salò. Quasi nessuno degli internati aderì. I prigionieri passarono in molti campi e Capello ebbe come compagni ufficiali  molto noti nei campi letterari e artistici come Giovannino Guareschi. Lo scrittore teneva alto il morale dei compagni e compose parecchi racconti satirici che in parte furono poi pubblicati. Nel campo di Sandbostel gli internati riuscirono a costruire una radio con cui i soldati riuscirono a ricevere anche prima dei tedeschi stessi la notizia dello sbarco in Normandia. Infatti gli Imi, Internati militari italiani, non furono considerati prigionieri. Il termine internati fu coniato in modo che non avessero l’assistenza della Croce Rossa dovuta ai prigionieri di guerra.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

city car banner