Neve: al lavoro le squadre e i mezzi meccanici della Città metropolitana di Torino Per garantire la transitabilità in condizioni di sicurezza

Neve: al lavoro le squadre e i mezzi meccanici della Città metropolitana di Torino. Sono al lavoro in queste ore il personale e i mezzi meccanici delle Direzioni Viabilità della Città metropolitana di Torino e le Ditte appaltatrici dei Servizi manutentivi invernali per far fronte all’annunciata nevicata sul territorio. Per garantire la transitabilità in condizioni di sicurezza delle strade di competenza metropolitana, sono a disposizione. Circa 150 tra cantonieri e tecnici specializzati nell’utilizzo dei mezzi meccanici e responsabili delle squadre locali di cantonieri, dipendenti dell’Ente, allertabili 24 ore su 24 per garantire la transitabilità di circa 2.800 Km di strade.

IN STRADA

640 mezzi meccanici, trattori, autocarri pesanti e medi, frese integrali e pale gommate, allestiti con spargisale e lame per lo sgombero neve, di cui 60 di proprietà della Città metropolitana e 580 delle ditte appaltatrici aggiudicatarie dei Servizi manutentivi Invernali, 7 frese neve ausiliarie per la rimozione di coltri nevose in montagna, con funzioni di ribattitura delle banchine post nevicata. 40 pale meccaniche ausiliarie. 16.000 tonnellate di salgemma e 9.000 tonnellate di sabbione/ghiaietto.

LA SORVEGLIANZA

L’attività di sorveglianza e di assistenza al transito viene iniziata a qualunque ora, sia per le attività relative ai servizi preventivi antigelo sia per le attività di sgombero neve quando lo strato nevoso ha raggiunto i 5 centimetri di spessore nelle zone montane, oltre gli 800 metri di altitudine, ed i 3 centimetri in pianura e collina. Il servizio è garantito 24 ore su 24, anche nei giorni festivi e prosegue fino al cessare dell’emergenza.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.