Crea sito

Natura in Valsusa: il Cai di Rivarolo in gita nello splendore di Avigliana Tra natura e storia nella città dei laghi

di LODOVICO MARCHISIO

AVIGLIANA – Una splendida giornata di sole primaverile ha accompagnato il nutrito gruppo del CAI di Rivarolo Canavese, guidati dal loro presidente Stefano Merlo, nella gita da loro programmata ad Avigliana. La mattinata è stata dedicata alla visita del diffuso e pregevole centro storico. Dopo aver ammirato la Casa Senore, la Casa nativa del Beato Umberto III di Savoia, la Casaforte dei Savoia, la Porta Santa Maria sulla Strada Antica di Francia, l’Oratorio del Gesù, l’antica Chiesa ducale di Santa Maria, la piccola e pittoresca Piazzetta Santa Maria circondata da edifici oggetto di pregevoli restauri conservativi si è poi affrontato la ripida salita con vista sulle torri ogivali della cinta medioevale e si è giunti alla Porta Ferrata con  l’adiacente casa: uno degli edifici più interessanti della città, tanto da essere stata studiata e poi riprodotta, con Casa Senore e la Torre dell’Orologio, nel Borgo Medioevale di Torino.

IL GIRO DEL LAGO

Con la presenza della Polizia Municipale e della Protezione Civile è iniziato il percorso ciclistico di circa 25 Km che ha toccato, tra l’altro, il nuovo ponte sul canale della Ferriera, la passerella ciclopedonale sulla Dora Riparia e la vicina area rinaturalizzata nell’ambito del progetto “Corona Verde”, gli argini destro e sinistro della parte finale del torrente Messa, Cascina del Conte, i centri storici delle frazioni Drubiaglio e Grangia, l’argine destro della Dora Riparia dal Ponte Dora al laghetto della Verdina, Villa Quagliotti con la Chiesetta della Madonna del Ponte, il Dinamitificio Nobel, la Palude dei Mareschi, la sponda nord del Lago Grande, Borgo Paglierino con la Porta Feronia e piazza del Popolo.