L’ultima famiglia di fittaioli lascia dopo oltre 40 anni la Cascina bassa a Sant’Antonio di Ranverso Una presenza importante che non ci sarà più

BUTTIGLIERA ALTA – L’ultima famiglia di fittaioli lascia dopo oltre 40 anni la Cascina bassa a Sant’Antonio di Ranverso. La famiglia nel gennaio di quest’anno ha lasciato con nostalgia la Cascina. Una permanenza sentita rappresentata anche dalla nascita e dalla crescita dei loro quattro figli. La famiglia è stata salutata con gli applausi dei tanti volontari che giornalmente passavano nei vialetti del borgo speciale di Sant’Antonio di Ranverso. Una famiglia che viveva e faceva vivere il borgo. Il passaggio delle mucche al pascolo era sempre un momento di gioia  tra la curiosità dei visitatori che s’immaginavano di vivere in un luogo medievale. Spiega il volontario Ersilio Teifreto. “La cascina era attrezzata per  l’allevamento di bovini e suini gestita dalla famiglia e  sistemata in una “corte” chiusa  da mura  e percorsa dal canale della bealera. La famiglia mancherà molto ai frequentatori del borgo che durante la giornata avvertono la loro assenza. La cascina bassa era l’ultima cascina ancora abitata nel concentrico della Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso“.

LA PRECETTORIA

L’abbazia di Sant’Antonio di Ranverso, o meglio Precettoria, è un edificio religioso piemontese fondato dall’Ordine ospedaliero di Sant’Antonio di Vienne e situato a Buttigliera Alta, in città metropolitana di Torino, al principio della Valsusa. La nascita del complesso monastico risale agli ultimi anni del XII secolo su volere del conte Umberto III di Savoia e il suo nome combina la dedica a sant’Antonio abate e il toponimo di rivus inversus, riferito a un canale situato a nord delle colline moreniche nelle vicinanze. Un tempo c’era la tradizione di allestire la scena della Natività sul terreno della Precettoria, all’interno del presepe vivente, che coinvolgeva centinaia di persone, fra adulti e bambini, nella rappresentazione dei passi biblici riguardanti la nascita di Gesù tutti vestiti con abiti dell’epoca.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!