Lettera sul Pian del Frais “Sono decenni che sento parlare sempre degli stessi argomenti” di Sergio Barberis

Lettera del 15 settembre 2021.

Ho letto l’articolo ed il comunicato del sindaco e sono allibito, ma non avendo le competenze ovviamente non voglio e non posso entrare nel merito di chi ha ragione o torto nel conflitto tra Amministrazione comunale e la società privata Dedalo, è incredibile che questo conflitto vada avanti da vari anni e se ne continui a parlare senza mettere in atto soluzioni. Credo che entrambi (Amministrazione e Dedalo) per quanto concerne il Frais abbiano dei pregi e dei difetti.

PREGI:
• Buona cura e manutenzione del verde nei parchi (pineta e chiesa)
• Efficiente raccolta rifiuti (isole ecologiche)
• Efficiente pulizia delle strade nei periodi invernali
• Ottima manutenzione delle piste da sci nei periodi invernali
• Ottima associazione per gestire servizi di socializzazione per adulti e ragazzi a cui va il mio rispetto, soprattutto ai volontari che hanno costantemente gestito le attività.

DIFETTI:
• Creare sempre il dubbio se gli impianti invernali saranno utilizzabili o meno (lo scorso inverno la seggiovia Sausea sembra non sia stata nemmeno collaudata) è destabilizzante per l’economia.
• Investire 2 milioni di euro (spero di aver interpretato male il messaggio), per aprire per soli 15 giorni (nel mese di Agosto) la seggiovia Chiomonte – Frais, mi sembra una pura follia. Inoltre indicare duemila passaggi è fuorviante, in quanto è probabile che la maggior parte degli utilizzatori l’abbiano utilizzata solo perché era gratuita e non per necessità.
• Mantenere un centro sciistico con risorse vecchie di 50 anni quindi ormai obsolete e sempre in avaria è ridicolo, ma meglio di niente.
• Imporre delle quote IMU paragonabili a quelle dei centri più blasonati della valle pur con il continuo deprezzamento degli immobili è paradossale.

La somma dei pregi e difetti mi sembra sia piuttosto deprimente e dà poco lustro a entrambi i protagonisti dei vari comunicati. Ricordo che anni fa (fino agli anni 90) il Pian del Frais era un paese molto vivo (anche quando la seggiovia Chiomonte – Frais era chiusa) ed erano presenti molti servizi (5 impianti di risalita, due negozi alimentari, tre ristoranti, quattro bar e una pizzeria), ora sono rimasti tre impianti di risalita, due ristoranti e tre bar, ma non sempre aperti. Il tempo passa e le amministrazioni susseguitesi negli anni hanno continuato con la stessa politica miope (a partire dalla scelta di non collegare Chiomonte all’autostrada) e conflittuale con i privati (che sicuramente hanno delle colpe) senza valorizzare veramente il territorio, anzi hanno e stanno trascinando il Pian del Frais nel baratro dell’oblio in cui è già caduto il paese di Chiomonte.

Invece di fare proclami e giocare sempre la carta dello scarica barile perché l’Amministrazione non prende in mano la situazione una volta per tutte e si attiva con azioni reali, accordi, espropri o altro? Per valorizzare il Frais ed il comune credo che per prima cosa si dovrebbe investire sul rinnovo degli impianti di risalita e sui servizi di ricezione, la seggiovia Chiomonte-Frais non è determinante a questo fine (almeno per ora) in quanto oggi chi utilizzerebbe mai una seggiovia per arrivare congelato sulle piste quando c’è una strada? Fosse almeno una cabinovia lo capirei. Sembra quasi che le varie amministrazioni non abbiano interesse a fare reali azioni, lasciando il dubbio che questo sia dovuto al fatto che al Frais ci sono solo seconde case i cui abitanti non hanno potere di voto alle elezioni comunali. Sono decenni che sento parlare sempre degli stessi argomenti: conflitti irrisolvibili, ipotesi di sviluppi fantastici e la credibilità delle parti in causa è ormai azzerata.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Lettera, segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.

agenda banner

LA PUBBLICITÀ ONLINE

Lettera. Col passare degli anni, gli investimenti nel settore pubblicitario online sono aumentati notevolmente. La pubblicità sul web propone il grande vantaggio di poter calcolare il proprio budget e tenerlo sotto controllo. Poi monitorare i risultati delle campagne e ottimizzarle strada facendo, studiare i risultati e imparare a replicarli nonché a incrementarli. Tra l’altro, consente di raggiungere un pubblico sempre più ampio, in maniera meno dispendiosa rispetto alle tecniche di marketing tradizionale e su carta. La comunicazione digitale rappresenta uno strumento imprescindibile per aumentare la propria clientela senza limitarsi ai soli canali offline. Ecco alcuni suggerimenti per promuoversi efficacemente online. Perciò sì: la pubblicità online è attualmente una risorsa molto importante. Per ogni tipo di azienda e professionista. Informatevi, questo è il link.