Crea sito

Giaveno, la Lega prende le distanze dalla professoressa Patrizia Starnone Il carroccio ha chiesto un minuto di raccoglimento in Consiglio Comunale

Giaveno, il Municipio

GIAVENO – La sezione della Lega di Giaveno prende le distanze dalla professoressa Patrizia Starnone. La vicende del twett ripreso dalla maggiori testate giornalistiche nazionali entra nell’ambito locale. A firma Stefano Olocco, il segretario cittadino del carroccio vuole precisare. “Abbiamo appreso dai giornali, le parole della professoressa Starnone a seguito della vicenda del carabiniere ucciso nelle scorse ore. A seguito di quanto si evince dagli articoli dei giornali ci teniamo a precisare che si è stata una nostra candidata alle recenti elezioni comunali. I rapporti con la nostra sezione e il partito si sono interrotti prima del ballottaggio, in quanto non ha condiviso le nostre scelte politiche“.

lega starnone

Starnone e Olocco

LA PROFESSORESSA STARNONE SI E’ ESPRESSA A TITOLO PERSONALE

La Lega Giaveno su Patrizia Starnone.  “Per tanto, crediamo sia chiaro che sia un pensiero espresso a titolo personale e che non ha nulla a che vedere con la nostra sezione. Anche con la Lega nazionale di cui non detiene nessuna tessera. Crediamo che sia inammissibile che la morte di un carabiniere sia un elemento divisivo per l’ennesima volta. Crediamo che non tutto sia sempre rapportabile a ideologie di sorta”. La Lega di Giaveno non esce dal dibattito ma cerca una posizione più autorevole comunicando che in Consiglio Comunale ha chiesto un minuto di silenzio in memoria del Carabiniere. Conclude Olocco: “Il pensiero di tutta la nostra sezione, quello di estremo cordoglio, è stato espresso semplicemente chiedendo un minuto di silenzio nel recente Consiglio Comunale a Giaveno. Per il resto crediamo in chi lavora per far luce sulla vicenda, sperando che avvenga il prima possibile“.