Crea sito

Tra scuola e lavoro la testimonianza dello chef del Formont della Valsusa a Oulx I ragazzi crescono e si preparano alla vita professionale

formont oulx

OULX – Per chi inesperto entra per la prima volta nella cucina del Formont della Valsusa a Oulx la sensazione è più quella di un grande e organizzato laboratorio che di una scuola. Infatti intorno ai fornelli ogni studente ha un ruolo. C’è chi spadella, chi cuoce, chi segue la cottura della pasta. Tre ragazzi sono al forno e un paio compongono i piatti pronti da servire. Un piccolo esercito che identifica nello Chef il “capo”. Siamo di fronte a una struttura gerarchica, in cui le mansioni e i compiti sono rigorosamente distribuiti in ruoli. Tra i fumi delle vivande in cottura, l’unica cosa che cambia è il tono della voce dello chef-professore. Se il comando è mite è perché tutto procede come dovrebbe. Se invece il tono si alza i ragazzi sanno che devono sveltire il lavoro. Un ritmo in crescendo, più si avvicina il momento di servire, e si attenua quando è ora di preparare i piatti successivi. Una “fanfara” della cucina con un direttore, che anziché agitare una bacchetta ha un mestolo tra le mani. Ogni mossa va calibrata, ogni piatto ha i suoi tempi e i suoi gusti, tutto all’uscita dalla cucina deve avere la sua armonia.

IL FUTURO DEI RAGAZZI

Tra un filetto di pollo, cotto alla griglia, e i piatti di pasta alla carbonara, lo chef ha il tempo, sempre controllando i ragazzi, di spiegare il suo lavoro. “Lavoro al Formont da anni, sempre con la stessa passione e lo stesso rigore. In una scuola come questa la prima regola è la disciplina, poi la disciplina e ancora la disciplina. Questa è una scuola qualificata dove si impara la teoria e si mette in pratica il lavoro. Ogni giorno i ragazzi crescono e si preparano alla vita professionale. Abbiamo il gusto d’insegnare e la costanza di farli crescere un passo alla volta. Devono imparare un mestiere che è anche gusto, curiosità e passione. Non tutti, finita la scuola, faranno i cuochi, ma in tutti rimarrà la consapevolezza che la vita è lavoro e fatica. In tanti anni da qui sono usciti ragazzi e ragazze che oggi sono ottimi professionisti. Questo è il risultato di una struttura che li segue sempre pensando al loro futuro“. Mentre si parla altri piatti vengono serviti a tavola.