La senatrice Liliana Segre è cittadina onoraria di Alpignano: il voto all’unanimità nel Giorno della Memoria Il voto all'unanimità nel Giorno della Memoria

Farmacia Stella Alpignano

ALPIGNANO – La senatrice Liliana Segre è cittadina onoraria di Alpignano. Il voto all’unanimità nel Giorno della Memoria del Consiglio Comunale di Alpignano nella seduta di oggi. “È stato un vero onore per noi conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre – dichiara il sindaco Steven Palmieriin una giornata poi così significativa qual è il Giorno della Memoria, data che ognuno di noi dovrebbe tenere per sempre impressa a ricordo delle atrocità compiute in quel terribile, vergognoso periodo storico. Benvenuta a casa, benvenuta ad Alpignano”. Unanimi gli interventi anche dei capigruppo consiliari e di altri consiglieri anche delle minoranze. Alle senatrice, che per evidenti motivi di sicurezza legati anche al Covid, non ha potuto partecipare al consiglio comunale, sarà inviato l’attestato.

LA VITA

Designata senatrice a vita sotto la presidenza Mattarella, Liliana Segre è una donna che ha vissuto in prima persona il dramma della deportazione ed è una delle ultime testimoni dell’olocausto. Nonostante un passato pieno di sofferenza e dolore, Liliana trova comunque il coraggio di raccontare la sua vita. Grazie al suo costante impegno contribuisce alla realizzazione di documentari, pubblicazioni cartacee e film su Auschwitz. Il 1943 è l’anno in cui Liliana assieme al padre tenta la fuga in Svizzera. In quella occasione le guardie di frontiera mandano indietro padre e figlia e procedono al loro arresto a Varese. Liliana resta nel carcere milanese di San Vittore per 40 giorni; successivamente, insieme al padre, viene condotta ad Auschwitz. Liliana ha solo 13 anni quando entra nel campo di concentramento assieme ad altri 776 bambini. Entrata nella sezione femminile non rivedrà mai più il suo papà. Intanto anche i nonni paterni e i cugini di Liliana vengono arrestati, per essere portati al campo di Auschwitz; vengono uccisi lo stesso giorno del loro arrivo, il 18 maggio del 1944.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!