La Città Metropolitana di Torino Il sindaco di Torino anche presidente dell'ente

LA CITTA’ METROPOLITANA DI TORINO

TORINO – È un ente territoriale istituito da una legge del 2014. Il sindaco di Torino è anche presidente dell’ente. Poi entro 60 giorni dalla proclamazione del sindaco, i 316 Comuni che compongono la Città metropolitana di Torino devono svolgere le elezioni. Queste per rinnovare il Consiglio metropolitano, organo di indirizzo e controllo. Questo adotta, tra l’altro, gli schemi di bilancio da sottoporre al parere della Conferenza metropolitana. È composto da 18 consiglieri ai quali va aggiunto il sindaco e dura in carica 5 anni. Il Consiglio metropolitano ha rappresentatività democratica indiretta.

ZONE OMOGENEE

Il territorio della Città Metropolitana di Torino è suddiviso in 11 zone. La divisione è stata decisa dal Consiglio metropolitano. Quattro Zone sono nell’area metropolitana di Torino. Le altre nei territori montani, collinari e di pianura. La Commissione che si è occupata dalle zone ha lavorato riconoscendo l’identità storica, territoriale, sociale ed economica delle singole realtà. Considerato altri parametri, come l’organizzazione dei servizi pubblici. Sono stati consultati anche i Sindaci, facendo attenzione alle caratteristiche geografiche, storiche, sociali. Le dimensioni demografiche delle Zone ed il numero di Comuni variano molto a seconda delle caratteristiche territoriali.

I COMUNI

I comuni appartenenti alla Città Metropolitana di Torino sono 312. Per ognuno dei 312 comuni è disponibile una scheda con la mappa. I recapiti e la zona omogenea di appartenenza. È disponibile anche un elenco di tutti i comuni sotto forma di indirizzario. A partire dal 2012, la Regione Piemonte ha avviato un percorso di riordino degli Enti locali. Con particolare attenzione al tema della gestione associata delle funzioni fondamentali da parte dei comuni. Proprio in questo ambito, è stata approvata una Carta delle forme associative del Piemonte. Ad oggi, nel territorio della Città metropolitana di Torino, il percorso di riordino è ancora in atto. Ci sono le Unioni Montane per i comuni montani e queste sono sempre in costante aggiornamento.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!