La Casaforte di San Didero: un edificio medievale a pochi passi da un paradiso naturale di ANDREA CARNINO

Casaforte di San DideroCasaforte di San Didero (foto tratta da Wikipedia)

SAN DIDERO – La Casaforte di San Didero: un edificio medievale a pochi passi da un paradiso naturale. La Casaforte di San Didero è situata nel centro dell’omonimo comune, l’edificio risale al Basso Medioevo. Destinata a residenza signorile e militare, la casaforte era costituita dalla torre e dalla cinta fortificata. Successivamente sono state erette altre costruzioni entro il perimetro del recinto. È stata di proprietà di importanti famiglie nobiliari locali come i Bertrandi di San Giorio e Chianocco ed i Grosso di Bruzolo. Proprio i Betrandi hanno fatto sopraelevare il maschio per adattare l’edificio ad esigenze abitative. Un sistema di scale interne metteva in comunicazione i vari piani della torre. Il primo fungeva da cucina, il secondo da abitazione del signore, mentre il terzo era adibito ad alloggio per i soldati della guardia.

LA CASAFORTE OGGI

La struttura è oggi composta dal torrione quadrato coronato da merli a doppio spiovente. Questo è affiancato da un alto muro con merli che costeggia la strada principale di accesso a San Didero. La torre è arricchita da due splendidi loggiati neoclassici risalenti al XVII secolo che ne identificano l’ingresso e il primo piano. Il cortile, accessibile dall’imponente portone carraio, è circondato da mura a forma di poligono irregolare. Al di sotto di esso si trova un’antica cisterna. Degne di essere ammirate sono le tre monofore del dongione. La casaforte è oggi di proprietà del comune. Completamente ristrutturata, oggi ospita un bed & breakfast dotato di sette camere da letto con bagno, un’ampia reception, una grande sala da pranzo al primo piano ed una sala riunioni nel punto più alto della torre. I piani sono messi in comunicazione da un ascensore.

LE BELLEZZE DI SAN DIDERO E DINTORNI

Alloggiando nella casaforte, oltre ad assaporare l’atmosfera di un tempo, si può visitare il centro storico di San Didero e la Chiesa Parrocchiale. Risalente al tardo periodo romanico, è una delle poche in Valle di Susa a mantenere il profilo esterno risalente al medioevo. La sua struttura è a navata unica terminante in un’abside. Sui lati si ammirano le monofore con strombatura a doppio sguincio. Poco distante si trova il Parco Naturale Orsiera Rocciavrè, un luogo incontaminato che si contraddistingue per una vegetazione ricchissima ed una fauna altrettanto vasta che comprende lo stambecco, il camoscio e l’aquila reale. Il parco conta numerosi laghi alpini abitati dalla rana temporaria, dal salmerino di fonte e dalla trota fario. Nei rifugi e negli alpeggi si possono gustare gli ottimi prodotti del territorio come la toma d’alpeggio e la toma del lait brusc, ideali per saziarsi dopo una camminata nella natura.

Testo di Andrea Carnino

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!