Il Sistema Bibliotecario Valsusa al Salone Internazionale del Libro di Torino

TORINO – Il Sistema Bibliotecario Valsusa al Salone Internazionale del Libro di Torino.

IL SISTEMA BIBLIOTECARIO VALSUSA AL SALONE DEL LIBRO

Quattro anni di passione e cultura: un calendario ricco di eventi e incontri con gli autori. Per il quarto anno consecutivo, il Sistema Bibliotecario Valsusa ha ricoperto un ruolo di grande rilievo al Salone Internazionale del Libro di Torino, con uno spazio espositivo di grande impatto e un calendario di presentazioni di alto livello. Cinque giorni pieni di arricchimento culturale, di promozione del territorio e di occasioni per instaurare nuove collaborazioni. Lo stand, allestito graficamente dalle studentesse del Liceo artistico Norberto Rosa che hanno vinto il concorso bandito dal Sistema Bibliotecario, ha saputo richiamare molte persone, che si sono avvicinate con curiosità per ricevere informazioni sulla programmazione degli eventi del Sistema, sul territorio valsusino e sulle sue biblioteche. Ma i veri protagonisti sono stati gli autori, che si sono avvicendati nelle presentazioni, coinvolgendo un folto pubblico. Un’edizione 2024 del Sistema Bibliotecario inaugurata giovedì 9 dalla visita alcuni piccoli alunni della scuola primaria “Domenico Berti” di Avigliana: 22 giovani lettori di circa 8/9 anni, che hanno avuto una menzione nel concorso Don Girodo, concorso letterario organizzato dal Comune di Caprie. E tra i vari appuntamenti, impossibile non citare quello di venerdì 10 in Sala Viola, in cui il professor Alessandro Barbero è stato intervistato dai ragazzi del Liceo Norberto Rosa sul tema delle rivoluzioni.

I LIBRI

Ma nello spirito delle biblioteche pubbliche, che devono rivolgersi a una platea con interessi diversificati, le presentazioni presso lo stand hanno affrontato un ventaglio di argomenti molto ampio: dal romanzo leggero, ai generi giallo e noir, dai racconti sulla storia locale, ai saggi sulla storia d’Italia. Particolare attenzione è stata inoltre data alle tematiche femminili, grazie a Federica Salamino e Clara Gargano che hanno presentato il libro “Circo Rokitansky”, Bruna Bertolo con “Le donne di Casa Savoia” e Giuliana Giai con il catalogo della mostra “Storie di donne e di montagne”. Un totale di 13 incontri con gli autori, uno più emozionante dell’altro, di cui quelli con Gianni Oliva, Giovanni De Luna, Giovanni Tesio ospitati nelle grandi sale, grazie alla consolidata collaborazione con la Regione Piemonte. Nello stand del Sistema si è invece chiacchierato con Nella Scoppapietra, Gabrio Grindatto, Paola Sappa e Fabrizio Arietti. Particolarmente coinvolgenti gli incontri con lo scrittore Domiziano Pontone, che con la sua verve ha intrattenuto e divertito i partecipanti, e con don Gianluca Popolla, che con parole toccanti e coinvolgenti ha tratteggiato la figura dello zio sacerdote Francesco Foglia, noto anche come Don Dinamite.  Si chiude così una  partecipazione che ha riscosso per il quarto anno un grande successo. Merito, secondo l’assessore al Sistema Bibliotecario Valsusa dell’Unione Montana, della passione e della competenza della direttrice Simona, della bibliotecaria Diomira, di Lina, Susanna, Lara, Fatima e di tutte le volontarie che tengono aperte le biblioteche del territorio e che si sono date il cambio per gestire lo stand al Salone.

NOTIZIE DELLA VALSUSA, VAL SANGONE E CINTURA DI TORINO

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.