Il Musical su Madre Teresa a Condove in Parrocchia

CONDOVE – “Madre Teresa- Il musical” di Michele Paulicelli e Piero Castellacci, gli stessi autori di Forza Venite Gente, farà tappa anche a Condove. Il gruppo teatrale, una bella compagnia amatoriale parrocchiale “I Po’ Lentoni” lo porterà in scena presso il Salone Pier Giorgio Frassati sabato 24 settembre alle ore 21. La regia è di Claudio Pagliarello, con l’aiuto di Augusto Ariotti, il coro è diretto da Livia Pettigiani, le coreografie sono di Roberta Morra, i costumi di Beatrice Bracotti e l’organizzazione generale è a cura di Alberto Borgatta. Gli interpreti principali sono Cristiana Ariotti nei panni di Madre Teresa, Suor Bettina rappresentata da Giulia Benetto e Luca Garnero è il Giornalista.

MADREA TERESA

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjezë Gonxhe Bojaxhiu , per la Chiesa cattolica Santa Teresa di Calcutta per il culto tributatole, e spesso nota semplicemente come Madre Teresa (Skopje, 26 agosto 1910 – Calcutta, 5 settembre 1997), è stata una religiosa albanese naturalizzata indiana di fede cattolica, fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della carità. Il suo lavoro instancabile tra le vittime della povertà di Calcutta l’ha resa una delle persone più famose al mondo e le valse numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Nobel per la Pace nel 1979. È stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II il 19 ottobre 2003 e santa da papa Francesco il 4 settembre 2016.

LA GIOVINEZZA

Nacque il 26 agosto 1910 a Skopje, Vilayet del Kosovo, nell’allora Impero ottomano (odierna capitale della Macedonia del Nord), in una benestante famiglia di genitori albanesi originari del Kosovo: Nikollë Bojaxhiu (1874-1919) e Dranafile Bernai (1889-1972). Fu la madre a scegliere i nomi che le furono dati: Anjezë (come Sant’Agnese, il cui nome vuol dire “pura casta”) e Gonxhe (“bocciolo” in lingua albanese). Quintogenita, aveva una sorella, Aga Bojaxhiu (1905-1973), un fratello, Lazar Bojaxhiu (1908-1981) e altri due morti in età infantile.

All’età di otto anni rimase orfana per la morte del padre e la sua famiglia si trovò in gravi difficoltà economiche; la madre la crebbe secondo i precetti e la fede cristiana cattolica. A partire dall’età di dieci anni, partecipò per quattordici anni alle attività della parrocchia del Sacro Cuore di Skopje, in particolare quelle del coro, del teatro e dell’aiuto alle persone povere. In quel periodo cominciò a conoscere l’India tramite le lettere di missionari gesuiti attivi nel Bengala.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Condove. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.