Il Moncenisio a Natale visto dalla stazione spaziale da un astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea

Il Moncenisio, è tradizionalmente amato e fotografato da tutti gli appassianati di montagna, anche di inverno. Ma non tutti i fotografi possono fare gli astronauti.

Cosa che invece  a qualcuno è possibile: ecco quindi il Lago in versione invernale come non l’abbiamo mai visto, fotografato dalla stazione spaziale interenazionale International Space Station (ISS) dall’astronauta francese Thomas Pesquet dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, da circa 400 km di altezza con un teleobiettivo da 1150 millimetri.

L’immagine è stata scattata il 24 dicembre 2016, quando  il lago ancora non era gelato, ed appariva dal cielo di un blu intenso e profondo. “Il Lago del Moncenisio,  come un buco aperto in mezzo a tutta questa neve, volando sopra le Alpi mi fa venire voglia di sciare” ha commentato l’astronauta.

E’ anche anche visibile la scia di in aereo a circa 6.600 metri di altezza.

L’astronauta francese, ingegnere aereospaziale e pilota civile Air France, di Rouen, è partito per la Stazione Spaziale Internazionale il 17 novembre scorso, a bordo della Sojuz MS-03 dal cosmodromo di Bajkonur, in Kazakistan, insieme al comandante della missione, il russo Oleg Novitskiy e all’astronauta americana Peggy Whitson. I tre sono arrivati sulla stazione 2 giorni dopo, il 19 novembre 2016. Pesquet – classe 1978 – è anche il più giovane componente  il Corpo Astronautico Europeo.

Per gli appassionati di fotografia, lo scatto è stato effettuato con con una Nikon D4,  ƒ/8.0 , tempo 1/2000, ISO 800

Altre foto spettacolari della Terra, scattate dall’alto della stazione orbitante, da Pesquet, sono visibili sulla sua pagina di Flickr.

IL COLLE

Il Colle del Moncenisio si trova appena al di là del confine francese. E’ a 2083 metri di quota, tra una cornice di montagne imponenti. Terra di confine tra l’alta Maurienne, la val Cenischia e la Valsusa. Il nome Moncenisio pare derivare dalla congiunzione delle parole Monte e ceneri. A quanto pare, infatti, vi si ritroverebbero delle tracce di un antico incendio che aveva ridotto i boschi circostanti in cenere. Dalla strada di valico prende il nome anche il comune, che in francese è reso come Mont-cenis. Dopo la Seconda guerra mondiale l’intero colle del Moncenisio rientra nei confini francesi. La strada transfrontaliera unisce però ancora oggi Italia e Francia. Nel Bel Paese è la SS25 del Moncenisio, in territorio transalpino è denominata RD (Route départementale) 1006. Appena oltrepassato il confine, nella Savoia francese troviamo il Lago del Moncenisio, uno specchio d’acqua artificiale risalente a inizio Novecento. L’originale lago glaciale fu ampliato grazie a una diga costruita nel 1921, poi ampiamente rinnovata con materiale naturale nel 1968.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Moncenisio. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.