Il Castello Borello di Bussoleno: l’antico maniero sabaudo posto a controllo della Strada di Francia di ANDREA CARNINO

(foto Fabrizio Fassio)

BUSSOLENO – Il Castello Borello di Bussoleno: l’antico maniero sabaudo posto a controllo della Strada di Francia in Valsusa. Edificato su un poggio nei pressi della frazione Baroni, l’edificio, come il vicino Castello di San Giorio, sorge sulla riva destra della Dora. I due manieri erano posti controllo dell’antica Strada di Francia. Legata ai Savoia fin dalla fine del ‘200, la residenza viene citata per la prima volta nelle investiture comitali del Trecento come “castrum quod dicitur Castrum Borellum“. La leggenda narra che sia stata costruita dai Cavalieri Templari in un luogo un tempo abitato dai druidi.

ADELAIDE DI SUSA E LA FAMIGLIA BORELLO

Il nome del Castello Borello deriva dalla famiglia Borello che ha ricevuto il feudo da Adelaide di Susa, personaggio emblematico di Piemonte e Savoia nell’XI secolo. Adelaide, chiamata “marchesa delle Alpi Cozie” dal popolo che la amava, permetteva alle persone di rifugiarsi nella residenza in caso di guerra. Il maniero era in diretta comunicazione visiva con i castelli di San Giorio e Chianocco e con la Sacra di San Michele. Ai Borello succedettero gli Aschieri, i Bartolomei ed i Rotari di Susa.

I DIVERSI UTILIZZI NEL TEMPO

Nel 1630 il medico Fiocchetto utilizza Castello Borello per ospitare e curare i malati di peste. In quel periodo anche la Valsusa viene infatti colpita dalla “peste manzoniana”, epidemia così chiamata perché descritta da Alessandro Manzoni nel romanzo i “Promessi Sposi”. Il castello è passato di proprietà più volte nel tempo. E’ stato anche utilizzato come cascina agricola, senza alcun riguardo per il suo valore architettonico. Le destinazioni d’uso che si sono alternate hanno portato all’apertura di porte e finestre ed alla costruzione di un balcone nella parete a levante del recinto. I lavori di adattamento del 1920 hanno portato alla demolizione di una cappella appoggiata ai lati nord ed est. Nuovamente ristrutturato a fine anni Settanta, il maniero è stato colpito da una frana nel 2000. Questa ha interessato il pendio retrostante, danneggiando i terrazzamenti a gradoni. Fino al 2015 è stato sede della Società Meteorologica Italiana.

IL CASTELLO OGGI

Il Castello di Borello di Bussoleno ha pianta quasi quadrata, con cinta coronata da merli e da cammino di ronda. Sul fronte nord si apre la porta principale. I suoi elementi difensivi come le feritoie per balestre ed i belfredi, risalgono al XIII secolo e sono comuni anche in altri castelli valsusini. Nella corte si trovano due fabbricati, adiacenti rispettivamente al lato est ad al lato ovest. Il primo è stato soggetto a molte manomissioni, il secondo conserva il suo carattere rustico. Il castello è oggi di proprietà privata ed è visibile solo dall’esterno.

Testo di Andrea Carnino

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!